Cronaca
Commenta

Rivarolo del Re, arriva
"La musica delle parole"

La fiera settembrina mette al centro la musica in tutte le sue forme e colori per condividere la voglia di vivere una delle leve sociali d'aggregazione più efficaci di sempre...

RIVAROLO DEL RE – La musica è una compagna che si lega a noi nei momenti che scandiscono la vita. Nel lontano 1954 c’è la genesi del rock and roll con la pubblicazione del primo vagito del genere musicale più amato, intimo, ruvido ed energico: Rock around o’Clock di Bill Halley and his Comets. E poi? Poi arrivarono Elvis, i Beatles e gli Stones… Il seme iniziava germoliare a livello planetario e anche se con alcuni alti e bassi si consegna, dopo decenni, con la stessa propulsione seducente , ma con nomi e volti differenti. Tutto questo mondo è è racchiuso in un’iniziativa che vede un programma denso di significati e ericco di sfumature.

Chi la produce o la suona, chi ne parla o ne scrive, la musica è un mondo in cui ci rifugia o al quale ci si rivolge come semplice intrattenimento. Da qualsiasi angolatura la si voglia guardare lei è presente nella quotidianità semplicemente perché è dentro di noi…

“Musica e parole si intersecheranno per mostrare al pubblico quanta musica ci sia nelle parole e quanto le parole possano integrarsi nella musica, dando vita a belle canzoni.
Non mancheranno esempi di sperimentazione attuati dalla band, quali eseguire due diverse canzoni a partire dallo stesso testo o, al contrario, utilizzare la stessa musica per due testi diversi.

Il tutto senza alcuna pedanteria, con il tono leggero che si addice a uno spettacolo che vuole intrattenere e divertire il pubblico, ma senza rinunciare a farlo riflettere che ciò che viene eseguito NON sono solo canzonette.

Cos’è esattamente un Reading Concerto?

Non è semplicemente un reading letterario accompagnato da musica, ma non è nemmeno un concerto inframezzato dalla lettura di brani letterari. Qui musica e letteratura non sono giustapposti ma compenetrati, dato che il racconto Rock’n’roll Band di Paolo Pisi (peraltro cantante e musicista della band) si dipana come un fil rouge nel corso dell’intero spettacolo, contrassegnando i momenti topici dello svolgimento del concerto. Ma anche perché il racconto di Pisi narra, con un tono brillante e gradevolmente autoironico, la nascita musicale e il debutto sul palcoscenico di una band giovanile che in realtà sono proprio (a molti anni di distanza) quei Rochenrol Choolers che si esibiscono nel Reading Concerto.

Il cantautorato, infine, ha elevato le parole nel contesto musicale legando indissolubilmente le due forme comunicative e confezionando una forma di poesia senza precedenti.

A. S.

© Riproduzione riservata
Commenti