Arte
Commenta

Guastalla, riapre al pubblico la
Chiesa dell'Immacolata Concezione

Nella giornata di sabato 25 si esibirà il coro Livia d’Arco di Mantova diretto da Roberto Fabiano con la partecipazione del soprano Antonella Antonioli, mentre domenica 26 Roberto Marchesi all’organo accompagnerà il soprano Eleonora Rossi

Dopo oltre dieci anni di ininterrotta chiusura, viene riaperta al pubblico la chiesa dell’Immacolata Concezione a Guastalla, che si affaccia su Piazza Garibaldi all’angolo fra via Verdi e Via Volturno. Grazie a una collaborazione fra l’Associazione Giuseppe Serassi, la parrocchia del Duomo, la curia vescovile di Reggio Emilia e il Comune di Guastalla, nelle giornate di sabato 25 e domenica 26 settembre, in occasione della fiera Piante e animali perduti, sarà possibile accedere all’edificio, seguire alcune visite guidate e assistere a momenti musicali.

I membri dell’Associazione Serassi, tra l’altro, stanno sistemando la nuova sede nei locali attigui alla chiesa della Concezione che sarà inaugurata il prossimo anno per il 20° di attività culturale dell’Associazione. Da diverse settimane i soci dell’Associazione Serassi lavorano alla pulizia e alla risistemazione di questo elegante tempio a pianta ottagonale concepito dell’architetto Antonio Filippi che, nel 1620, intervenne con un rifacimento radicale, sulla prima chiesa fatta edificare dalla confraternita dell’Immacolata nel 1579.

All’interno tre raffinati altari settecenteschi sono ornati da paliotti in scagliola carpigiana, in ottimo stato di conservazione, di Giovanni Massa, maestro nella costruzione di scenografiche di prospettive centrali, con architetture fantastiche dai colori vivaci. Cinque dipinti del guastallese Giovanni Battista Quattrini, sono integrati nelle cornici architettoniche della parte alta dell’edificio.

Risulta particolarmente evidente, nello spazio circoscritto del presbiterio, la mole dorata dell’altare maggiore, anch’esso settecentesco, sormontato da un elaboratissimo tabernacolo, risalente ancora alla fine del XVII secolo. Lo spazio poligonale di questa piccola chiesa ha la proprietà di diffondere perfettamente i suoni, senza echi, con una omogeneità sorprendente e priva di sbavature.

Anche per questo motivo l’associazione Serassi, avendo sede a fianco, se ne prenderà cura in futuro sperimentando la possibilità di ambientarvi esecuzioni di musica antica e classica, oltre che promuovendone la conservazione e stimolando studi sulla sua storia e sul suo patrimonio artistico.

Nella giornata di sabato 25 si esibirà il coro Livia d’Arco di Mantova diretto da Roberto Fabiano con la partecipazione del soprano Antonella Antonioli, mentre domenica 26 Roberto Marchesi all’organo accompagnerà il soprano Eleonora Rossi. Nella stessa giornata ci saranno visite guidate a cura di Ivan Cantoni.

Paolo Panni, Eremita del Po

© Riproduzione riservata
Commenti