Cronaca
Commenta

Soroptimist, la "Stanza tutta per sè"
in una valigetta in aiuto delle donne

Il Club Terre dell’Oglio Po, dopo aver inaugurato, il 23 settembre, una Sala Audizioni Protette presso il Comando Carabinieri di Viadana, il 27 settembre ha consegnato alla Polizia di Stato un kit informatico audio-video per la raccolta delle denunce.

Il Soroptimist Club Terre dell’Oglio Po, fondato lo scorso 22 maggio, ha fra i suoi obiettivi l’assunzione di iniziative concrete per i diritti delle donne e il contrasto alla violenza di genere.

Per questo, come primo service ha scelto di sviluppare anche a livello locale un progetto del Soroptimist nazionale finalizzato a contrastare la violenza contro le donne, denominato “Una stanza tutta per sè’”, che consiste nell’allestimento di sale per audizioni protette presso caserme dei Carabinieri e commissariati di Polizia. Ma, poiché a volte è preferibile raccogliere le dichiarazioni delle vittime di violenza in un luogo diverso, il progetto si è ampliato diventando “Una stanza tutta per sè… portatile”.

Il Club Terre dell’Oglio Po, dopo aver inaugurato, il 23 settembre, una Sala Audizioni Protette presso il Comando Carabinieri di Viadana, il 27 settembre ha consegnato alla Polizia di Stato un kit informatico audio-video per la raccolta delle denunce. La cerimonia di consegna è avvenuta a Gussola lunedì 27 settembre alle ore 11 durante il mercato settimanale, in concomitanza con la presenza di un gazebo della Polizia di Stato allestito per la diffusione di materiale contro la violenza di genere.

Con questo evento, che si potrebbe sintetizzare con lo slogan “Chiedi aiuto qui!”, è stata presentata alla cittadinanza un’altra azione concreta del Club Terre dell’Oglio Po a supporto di quanto già fanno le istituzioni preposte per contrastare la violenza di genere, purtroppo riscontrabile anche localmente, e si aggiunge all’analoga azione di numerosi club Soroptimist italiani che hanno donato alle forze dell’ordine questo kit informatico.

 

 

L’iniziativa sarà promossa in luoghi pubblici all’aperto e in occasione dei mercati settimanali dei vari paesi al fine di informare la popolazione e raggiungere in modo facile e diretto soprattutto le donne. In seguito, la polizia utilizzerà la valigetta informatica per ricreare “Una stanza tutta per sé” mobile e operativa là dove serve.

Le indagini statistiche evidenziano la bassa percentuale delle donne vittime di violenza che denunciano e l’obiettivo di questa iniziativa è proprio quello di far emergere questo problema, incoraggiandole a rivolgersi alle Forze dell’ordine. Questo progetto dà un segnale di quanto l’attenzione e le iniziative concrete per i diritti delle donne e il contrasto della violenza di genere siano elementi imprescindibili per contribuire a creare una società davvero inclusiva, nella quale le donne, tutelate nei loro diritti, riescano a portare il proprio contributo alla vita sociale.

redazione@oglioponews.it

© Riproduzione riservata
Commenti