Cronaca
Commenta

Attesa in Auditorium per la lectio
magistralis del prof. Gianfranco Pasquino

Introdurrà Massimo Negri, amico della Biblioteca. Dialogheranno con l’autore Alessandro Azzini e Irma Segalla. Libertà inutile è il titolo che Norberto Bobbio avrebbe voluto dare al capitolo conclusivo, mai scritto, del suo Profilo ideologico del Novecento italiano.

Sabato 2 ottobre alle 17:30 sarà ospite della biblioteca Mortara di Casalmaggiore Gianfranco Pasquino, Professore emerito di Scienza politica e accademico dei Lincei per presentare il suo ultimo libro Libertà inutile. Profilo ideologico dell’Italia repubblicana, edito da Utet. L’evento si terrà in Auditorium Santa Croce, in via Porzio 5, a Casalmaggiore.

Introdurrà Massimo Negri, amico della Biblioteca. Dialogheranno con l’autore Alessandro Azzini e Irma Segalla. Libertà inutile è il titolo che Norberto Bobbio avrebbe voluto dare al capitolo conclusivo, mai scritto, del suo Profilo ideologico del Novecento italiano.

La locuzione libertà inutile, che Pasquino definisce “amara espressione”, se per Bobbio era una quasi-conclusione, per il suo allievo (Pasquino si laureò con Bobbio) fa da sfondo alla lettura della storia politica italiana dal secondo dopoguerra ad oggi.

Per anni, dichiara il Professor Pasquino nella premessa al suo libro, “mi sono riproposto il compito estremamente ambizioso di scrivere il seguito del saggio di Norberto Bobbio”, che arrivava fino alle soglie del Sessantotto. “Interrogarsi, riflettere, analizzare i cinquant’anni trascorsi da allora è un’impresa culturalmente e politicamente  necessaria”.

Attraversando le riflessioni di Pareto, Calamandrei, Gramsci, Sartori, prende forma il dubbio di Pasquino: la democrazia italiana ha disatteso le promesse costituzionali? Quella conquistata con tanta fatica è stata forse una Libertà inutile?

L’autore perviene “con qualche perplessità, dopo lunga riflessione, alla convinzione che, in effetti, non abbiamo saputo utilizzare in maniera adeguata la libertà di cui abbiamo goduto. La libertà di cui gli italiani hanno comunque goduto non ha fatto, proprio come temeva Bobbio, migliorare le idee e i comportamenti collettivi. È risultata complessivamente inutile.” Il libro cerca di spiegare perché.

NOTE BIOGRAFICHE – Gianfranco Pasquino, allievo di Norberto Bobbio e di Giovanni Sartori, è professore emerito di Scienza politica all’Università di Bologna. Senior Adjunct Professor alla SAIS-Europe di Bologna, è stato direttore, dal 1980 al 1984, della rivista “Il Mulino” e, dal 2000 al 2003, condirettore della “Rivista Italiana di Scienza Politica”. Dal 2010 al 2013 presidente della Società Italiana di Scienza Politica, è autore di numerosi volumi, i più recenti dei quali sono Cittadini senza scettro. Le riforme sbagliate (2015), Bobbio e Sartori. Capire e cambiare la politica (2019) e Italian Democracy. How It Works (2019).

È particolarmente orgoglioso di avere condiretto insieme a Norberto Bobbio e Nicola Matteucci per Utet il celebre Dizionario di politica (2016, nuova edizione aggiornata). Per Utet ha inoltre pubblicato La Costituzione in trenta lezioni (2016), L’Europa in trenta lezioni (2017) e Minima politica. Sei lezioni di democrazia (2020). Dal luglio 2005 è socio dell’Accademia dei Lincei.

redazione@oglioponews.it

© Riproduzione riservata
Commenti