Cronaca
I commenti sono chiusiCommenta

Laudato Si di Viadana e Marcaria,
incontro il 4 ottobre con Dotti

Sarà questa pertanto l’occasione ideale per entrare in sintonia con la natura circostante e con tutti coloro che desiderano condividere la comune tensione verso un mondo migliore, più a misura umana

Con la celebrazione della Giornata del Creato, che la Comunità Laudato Si di Viadana e Marcaria festeggia tradizionalmente nella ricorrenza dedicata a San Francesco d’Assisi, il 4 ottobre, si conclude il percorso di riflessione dedicato al Tempo del Creato dal titolo Camminare in una vita nuova: la transizione ecologica per la cura della vita, tema ispirato dallo stesso Papa Francesco per incoraggiare la conversione di tutti ad un nuovo stile di vita che dovrà necessariamente accompagnare i provvedimenti sociali e tecnologici richiesti.

Ad illustrarne il significato e le implicazioni sarà il dottor Johnny Dotti, pedagogista, educatore, scrittore, docente universitario a contratto presso l’Università Cattolica di Milano, nonché imprenditore sociale di lungo corso (ha guidato per sei anni, dal 2002 al 2008, la più grande rete italiana della cooperazione sociale con 1.100 cooperative associate) molto apprezzato per le sue doti di affabulatore e la sua capacità di coinvolgimento empatico.

Come già sottolineato dalla stessa enciclica, per intraprendere il cammino della transizione ecologica è più che mai necessaria la condivisione degli intenti e di conseguenza è necessaria una comunità che interiorizzi e persegua gli stessi obiettivi e che sostenga reciprocamente i propri componenti per superare le inevitabili difficoltà ma anche per gioire insieme dei risultati raggiunti.

Simbolicamente l’incontro si svolgerà seguendo un cammino che, a partire dal Parco Baden Powell di Viadana (via al Ponte, dalle ore 18.15), si dipanerà in direzione del vecchio attracco delle barche, in riva al fiume Po e si concluderà con la relazione del gradito ospite, seguita poi da un momento conviviale presso l’osteria da Bortolino.

Il percorso sarà punteggiato da alcune soste, durante le quali ci sarà spazio per momenti di preghiera, canti di lode e ringraziamento per il dono del Creato e lettura di brani dalla Laudato Si poiché, come recita il salmo 126 Se il Signore non costruisce la casa, invano vi faticano i costruttori. Se il Signore non custodisce la città, invano veglia il custode; proprio per questo è importante sia riconoscere la nostra origine creaturale che ci accomuna a tutti gli esseri viventi, sia accrescere la consapevolezza del ruolo di custodi che il Signore ci ha affidato perché “tutti abbiano la vita e l’abbiano in abbondanza” (Gv 10,10) ed umilmente ricordiamo l’ammonimento evangelico “Chi rimane in me, e io in lui, porta molto frutto, perché senza di me non potete far nulla. Se rimanete in me e le mie parole rimangono in voi, chiedete quello che volete e vi sarà fatto”.(Gv 15, 1-8)

Sarà questa pertanto l’occasione ideale per entrare in sintonia con la natura circostante e con tutti coloro che desiderano condividere la comune tensione verso un mondo migliore, più a misura umana e secondo il motto reso famoso dal compianto Alex Langer “più lento, più profondo, più dolce” (Lentius, profundius, suavius), rinsaldando amicizie e stringendone di nuove, animate da valori comuni.

Partecipare a questo evento, significa tessere relazioni significative per migliorare il nostro rapporto con il Creato, ma anche con le persone che abitano la nostra casa comune, aiutati dalla testimonianza autorevole di Johnny Dotti che abbiamo già avuto modo di conoscere. Vi aspettiamo numerosi! Precisiamo che in caso di maltempo, la manifestazione si svolgerà presso la Cooperativa PALM a Buzzoletto, con gli stessi orari. L’iniziativa, promossa dalla Comunità Laudato Si di Viadana e Marcaria in collaborazione con la Condotta Slow Food Oglio Po, il BioDistretto Casalasco Viadanese, La Consulta del Volontariato Viadanese, New Tabor OdV, le Associazioni Noi Ambiente Salute e PersonaAmbiente, si svolgerà nel pieno rispetto delle normative ANTI COVID.

redazione@oglioponews.it

© Riproduzione riservata
Commenti

I commenti sono chiusi.