Cronaca
Commenta

Tavolo trasporti: nessuna grave
criticità nei primi 15 giorni di scuola

Il Tavolo tornerà a riunirsi il 16 novembre. Sembra remota la possibilità che si passi a ingressi scaglionati, ma è stato chiesto all”ufficio scolastico di allertare le scuole in vista di questa eventualità e quindi di preparare un piano B.

Il Tavolo in Prefettura di martedì vedeva riuniti rappresentanti del mondo politico, dei trasporti e del mondo della scuola per fare il punto a 15 giorni dall’avvio delle lezioni. Dalle prime informazioni si apprende che il dirigente dell’Ust Franco Gallo non ha ricevuto segnalazioni di particolari criticità da parte dei presidi degli istituti superiori cittadini. Si andrà avanti con l’attuale monitoraggio tenendo sotto controllo una situazione che potrebbe andare in crisi quando, con l’arrivo della brutta stagione, potrebbe aumentare il numero di studenti che utilizzano i mezzi pubblici per recarsi a scuola.

Il Tavolo tornerà a riunirsi il 16 novembre. Sembra remota la possibilità che si passi a ingressi scaglionati, ma è stato chiesto all”ufficio scolastico di allertare le scuole in vista di questa eventualità e quindi di preparare un piano B.

Erano presenti all’incontro Rosolino Azzali per la Provincia di Cremona, gli assessori Simona Pasquali e Maura Ruggeri per il comune di Cremona, l’assessore Fabio Bergamaschi per Crema, il Vicesindaco di Casalmaggiore Giovanni Leoni, il Dirigente delegato dell’Ufficio Scolastico Territoriale di Cremona, il già citato Franco Gallo, il Direttore dell’Azienda di Trasporto Pubblico Locale Cremona-Mantova e i rappresentanti delle Aziende di trasporto pubblico locale.

“I dati del monitoraggio, effettuato dal 13 al 27 settembre 2021, hanno confermato che il sistema del trasporto pubblico locale per la città di Cremona è in grado di assicurare il regolare servizio nei confronti di studenti e lavoratori pendolari, senza criticità particolari né assembramenti o condizioni di rischio all’interno dei mezzi”,  si legge nel comunicato della Prefettura.

“L’esito della sperimentazione consente, dunque, di proseguire nell’attuazione delle linee di indirizzo contenute nel Documento operativo del Tavolo di coordinamento, garantendo, sul fronte scolastico, il consueto orario di ingresso e di uscita unico.

Il Prefetto, nel ringraziare i componenti del Tavolo per il soddisfacente risultato conseguito, come era nelle intenzioni di tutti, ha invitato le parti a mantenere costantemente aggiornati i dati relativi agli studenti che, per ciascun Istituto scolastico, utilizzano i mezzi pubblici.

In linea previsionale, infatti, non si può ancora del tutto escludere che situazioni particolari – tali da mettere sotto pressione il sistema trasporti, che già si avvicina alla percentuale di pieno impiego – possano suggerire, nei mesi invernali, l’applicazione di mirati ingressi differenziati (80%-20%), solo per alcune scuole, relativamente alle classi terza, quarta e quinta. Eventualità che, comunque, allo stato, si può ragionevolmente ritenere del tutto remota”.

gb

© Riproduzione riservata
Commenti