Eventi
Commenta

San Carlo, primo bilancio: cosa dice
il contapersone (e cosa le persone)

Tra giostrai e venditori alle bancarelle prevale una moderata soddisfazione e un discreto ottimismo per il futuro, perché dopo quasi due anni di stop c’era voglia di ricominciare. GUARDA IL SERVIZIO TG DI CREMONA 1

I numeri stavolta ci sono, perché i contapersone – novità della Fiera di San Carlo 2021 a Casalmaggiore – non mentono: 1300 persone in contemporanea sabato nel primo pomeriggio, salite a 2200 verso sera e poi il record di 3100 persone, sempre contemporaneamente presenti nell’area fiera, domenica, il giorno benedetto dal bel tempo. Il numero massimo consentito, su un’area di 16mila metri quadrati, era di 4mila.

Male invece il lunedì, dove se non altro la pioggia incessante ha spinto un po’ di gente alla sagra del cotechino e del blisgòn in zona Duomo. Dunque, cosa dice il primo bilancio della Fiera di San Carlo, molto attesa dopo lo stop del 2020, nel weekend lungo dei Santi e in attesa di stilare un bollettino conclusivo dopo il 4 novembre, giorno di San Carlo Borromeo, patrono di Casalmaggiore?

Tra giostrai e venditori alle bancarelle prevale una moderata soddisfazione e un discreto ottimismo per il futuro, perché dopo quasi due anni di stop c’era voglia di ricominciare.

G.G.

© Riproduzione riservata
Commenti