Eventi
Commenta

Ringraziamento, la forza dei giovani
e dei vecchi contadini a Pomponesco

Per mantenere le tradizioni serviranno sempre giovani motivati come quelli di Pomponesco che non dimenticano ogni anno di organizzare questa Festa del Ringraziamento perchè nel bello e nel cattivo tempo c’è sempre una forza superiore che consente tutto questo a ciclo continuo

Probabilmente nessuno di loro era nato trent’anni fa quando l’evento ha avuto origine. Ma i ragazzi che oggi fanno parte dei giovani Agricoltori ci mettono lo stesso spirito e la stessa passione di chi li ha preceduti. La mente, per cosi dire, rimane sempre l’inossidabile sindaco di Pomponesco Pino Baruffaldi, il quale traspira soddisfazione da tutti i pori constatando come i ragazzi del paese abbiano ereditato il suo stesso spirito combattivo e la sua voglia di fare. “Le idee ci sono sempre ma per questioni anagrafiche noi di una certa età dobbiamo cedere il passo anche perché qualche acciacco inizia a manifestarsi” ha esordito sabato mattina in Municipio il primo cittadino durante la conferenza stampa per la presentazione della 30 esima edizione della Festa del Ringraziamento che si terrà il 12, 13 e 14 novembre nei pressi del Centro sportivo di Pomponesco. A proposito di acciacchi si è notata l’assenza a fianco del sindaco di Marziano Rossi, autentica colonna portante di tutte le precedenti edizioni. Un personaggio simpatico e folcloristico che sapeva coinvolgere e trasmettere al pubblico il suo perenne buonumore diventando il regista sapiente di molti degli eventi, dal gioco della Cuccagna alla preparazione dei ciccioli sino alla realizzazione del record della salsiccia ogni anno sempre più lunga. La riabilitazione conseguente ad un intervento chirurgico quest’anno lo tiene lontano dalla manifestazione ma i ragazzi garantiscono che lui sarà idealmente presente almeno in senso metaforico. Si partirà venerdi 12 novembre con il consueto Convegno sulla nuove tecnologie e gli incentivi 4.0 per l’agricoltura con la presenza, tra gli altri, di Alessandro Ferraresi che si svolgerà presso il Teatro 900. Sabato 13 dalle prime luci dell’alba l’esposizione e di attrezzi nuovi e d’Epoca (iscrizioni a Luca 3421044675) con la dimostrazione di Fast Pulling eseguito con trattori di ogni tipologia ed età. Presenti gli stand con i prodotti tipici del territorio. Per l’aspetto culinario ci sarà il pranzo alle 12,30 e la cena (Prenotazioni a Martina 3498302353) intitolata Dal purcil al parol con protagonista il suino. Tutti i trattori poi la domenica sfileranno per il paese cui seguirà la Santa Messa e la benedizione dei mezzi presenti. Pomeriggio con dimostrazione di aratura iu un campo adiacente. Dopo il pranzo si assisterà ai giochi popolari (Cuccagna gigante, tiro alla fune, corsa coi sacchi con ricchi premi (iscrizioni a Gianluca 3663004525 Marco 3453140570). Per l’intera giornata i Casari procederanno alla trasformazione del latte in Grana Padano mentre i Norcini cuoceranno i ciccioli che verranno poi distrubuiti ai presenti. Si potranno assaggiare anche il tosone, caldarroste, gnocco fritto, cotechino e altre prelibatezze della tradizione. Per gli ingressi al padiglione ove consumare i pasti i ragazzi dell’organizzazione si avvarranno della collaborazione della Croce Verde di Vadana per la misurazione della febbre e il possesso del Green Pass. L’agricoltura probabilmente in futuro cambierà sempre più metodi e tecnologie, ma, come ha sottolineato il sindaco, per avere i prodotti necessari alle popolazione bisognerà sempre avere un seme e seminarlo. Cosi come per mantenere le tradizioni serviranno sempre giovani motivati come quelli di Pomponesco che non dimenticano ogni anno di organizzare questa Festa del Ringraziamento perchè nel bello e nel cattivo tempo c’è sempre una forza superiore che consente tutto questo a ciclo continuo.

Ros Pis

© Riproduzione riservata
Commenti