Cronaca
Commenta

Successo per la serata
di gala di Cremona1

FOTO SESSA

Il pubblico delle grandi occasioni si è radunato nell’auditorium G. Arvedi del Museo del Violino per la serata di gala di Cremona1: un vero e proprio viaggio alla scoperta della produzione della televisione e del lavoro incessante della redazione.

Il direttore, Guido Lombardi, che ha presentato la serata, ha chiamato per primi Simone Bacchetta, Michela Cotelli e Federica Priori, che ogni mattina all’alba fanno la rassegna stampa. Ma sempre la mattina, oltre al Tg, vanno in scena Aspettando Mezzogiorno e Ore 12, grazie al lavoro di Piero Brazzale, Nicoletta Tosato, Andrea Colla e Lorenzo Scaratti.

L’informazione giornalistica è però al centro del lavoro del network, che manda in onda il telegiornale alle 13.30 e alle 19, con la collaborazione delle redazioni di Crema e Oglio Po, di cui hanno parlato Sabrina Grilli e Giovanni Gardani, coordinate da quella di Cremona. Ma la pluralità dell’informazione impone di dare voce a tutti, che è la missione del neonato programma “Dite la vostra” di Anita Franzini.

Dal Tg all’approfondimento, sono scesi poi sul palco Giovanni Palisto e Simone Bacchetta, che hanno parlato dei rispettivi programmi, Punto a Capo ed È Sabato, ma che hanno anche scambiato qualche parola con i sindaci di Crema e Casalmaggiore, Gianluca Galimberti e Filippo Bongiovanni, e l’assessore di Crema Fabio Bergamaschi. Al centro della conversazione l’importanza dell’informazione e del rapporto tra media e istituzioni.

Il testimone è passato ai quotidiani web di informazione, che per quasi 24 ore al giorno raccolgono e diffondono le notizie. Giuliana Biagi, affiancata dai colleghi Laura Bosio, Ambra Bellandi, Sara Pizzorni, Alessandro Soragna, Nazzareno Condina, Ilario Grazioso, Mauro Taino e Giovanni Gardani, ha raccontato del lavoro di squadra che è alla base dei contenuti di Cremonaoggi, Cremaoggi e OglioPoNews.

E ancora, spazio alla musica, con la presentazione del programma Ospite Musicale di Roberto Codazzi, seguita poi dall’esibizione della violinista Anais Drago, che ha incantato il pubblico con Libertango di Astor Piazzolla.

La serata è quindi proseguita con i programmi pomeridiani: Silvia Galli ha raccontato Cosa bolle in pentola, che quest’anno regala anche delle “cartolime” sei territori, Federica Bandirali ha parlato del suo Vivere in salute e Cristina Coppola ha invece introdotto Gli Altri siamo noi, approfondimento dedicato al terzo settore. E ancora, ci sono I gioielli sotto casa di Piero brazzale, ma anche Ti racconto Cremona, curato dai professionisti del Crart, Anna Adami e Tommaso Giorgi. Senza dimenticare Il giorno del Signore, curato dalla Diocesi di Cremona e da Filippo Gilardi.

Si è poi proseguito a parlare di sport e di Diretta Grigiorossa: sul palco sono scesi i conduttori Eleonora Busi e Mauro Taino, che hanno scambiato qualche parola con gli allenatori della Cremonese, della Vbc e della Vanoli, Fabio Pecchia, Martino Volpini e Paolo Galbiati.

Uno spazio anche al lavoro dei tecnici, alacremente lavorano ogni giorno per il Tg e per le produzioni, ringraziati dal loro coordinatore, Cristiano Barchielli.

Sono poi stati presentati gli eventi in prima serata: Mauro Maffezzoni ha raccontato di Diretta Grigiorossa, Cristina Coppola di Basket &Co, Simone Arrighi di Sottorete, E ancora, uno dei programmi storici di Cremona1, La Piazza di Giovanni Palisto, che si alterna al mercoledì sera con il neonato Sviluppo e Territorio del direttore Lombardi.

E parlando di novità, Michela Cotelli ha raccontato del suo nuovo programma dedicato ai libri e alla lettura, Itaca, mentre Silvia Galli del suo Oltre la coda, dedicato al mondo degli amici a 4 zampe.
Tornando invece a produzioni storiche, non poteva mancare un cenno a Punto Verde, alla sua nona edizione, condotto da Giovanni Rossi e Michela Cotelli e La città della musica di Federica Priori.

A chiudere le presentazioni ha pensato Anais Drago, esibendosi nel Walzer n.2 di Shostakovich. La serata si è quindi conclusa con la presentazione della programmazione del 2022.

© Riproduzione riservata
Commenti