Cultura
I commenti sono chiusiCommenta

Boretto, domenica da ricordare
con "Quo vadis, Aida?" e Hasanovic

Sarà presente anche Antonio Campanini, presidente dell'associazione Mirnimost di Guastalla: Antonio da diversi anni realizza progetti di cooperazione in Bosnia Erzegovina, soprattutto nella citta di Mostar, rivolti alla comunità rom della città.

In occasione della Giornata Europea del Cinema d’Essai, domenica 14 novembre alle ore 18 il  cineclub Claudio Zambelli di Boretto proietterà il film “Quo vadis, Aida?” di Jasmila Zbanic. Interverrà Ado Hasanovic, regista bosniaco diplomato al Centro Sperimentale di Cinematografia di Roma, di cui verrà proiettato il cortometraggio “L’angelo di Srebrenica”.

Ado Hasanovic aveva 7 anni quando suo padre lo ha caricato su un camion dell’Onu con il resto della famiglia, affinché fuggisse da Srebrenica verso Tuzla. Ma i ricordi di quei giorni sono ancora molto vivi e oggi Ado lavora per trasformarli in immagini e documentari. Con il cortometraggio “L’angelo di Srebrenica, Ado racconta, con un linguaggio simbolico ed artistico, gli effetti e gli orrori della guerra, il passato e il presente di Srebrenica

Sarà presente anche Antonio Campanini, presidente dell’associazione Mirnimost di Guastalla: Antonio da diversi anni realizza progetti di cooperazione in Bosnia Erzegovina, soprattutto nella citta di Mostar, rivolti alla comunità rom della città. Si tratta di programmi di recupero scolastico per i minori, sostegno sanitario e alimentare alle famiglie in collaborazione con Iscos Emilia Romagna.

redazione@oglioponews.it

© Riproduzione riservata
Commenti

I commenti sono chiusi.