Politica
I commenti sono chiusiCommenta

Secondo parto tra Cremona e
Casalmaggiore, Piccinelli interpella

"Interpello per sapere se anche questa circostanza potrà essere rappresentata al Consiglio di Stato previsto per il 2 Dicembre prossimo, conseguente al Ricorso contro la chiusura del Punto nascita". GUARDA IL SERVIZIO TG DI CREMONA 1

Il secondo parto in breve tempo avvenuto lungo il tragitto tra Casalmaggiore e Cremona, unico Punto Nascite rimasto dopo la chiusura tre anni fa di quello dell’Oglio Po e la chiusura dei punti nascita di Asola e Guastalla durante il periodo pandemico, ancora chiusi, non ha lasciato indifferente la consigliera Annamaria Piccinelli (Vivace & Sostenibile) che ha presentato all’Amministrazione cittadina un’interpellanza urgente a risposta scritta. Questo il testo:

Al Presidente del Consiglio Comunale
Pierfrancesco Ruberti

Oggetto: Interpellanza URGENTE riguardante i PARTI AVVENUTI PER STRADA
Il gruppo consiliare “Vivace e Sostenibile”,
visto
quanto riportato sulla stampa locale riguardo a un altro parto di una signora di Casalmaggiore, avvenuto per strada, su una ambulanza di Padana soccorso, prima di arrivare all’ospedale di Cremona;
previo accertamento dei fatti;
interpella per sapere
se anche questa circostanza potrà essere rappresentata al Consiglio di Stato previsto per il 2 Dicembre prossimo, conseguente al Ricorso contro la chiusura del Punto nascita;
se i Sindaci Oglio-Po, alla luce degli ultimi accadimenti, solleciteranno la Regione affinché chieda una deroga al DM 70/2015;
se i Sindaci Oglio-Po, alla luce degli ultimi accadimenti, rappresenteranno la situazione al Ministero per promuovere una revisione del DM 70/2015;
se i Sindaci convengono sul fatto che i parti avvenuti per strada siano in netto contrasto con il diritto alla vita e alla salute e se pertanto possano motivare azioni legali oltre che politiche nei confonti di Stato, Regione e Asst.

Si richiede risposta scritta
Cordiali saluti,
Annamaria Piccinelli

Il 4 dicembre il Consiglio di Stato si pronuncerà sulla vicenda, dopo il ricorso presentato da 21 sindaci dell’area Oglio Po. Anche questo secondo parto – andato fortunatamente bene – potrebbe costituire elemento a supporto della tesi dell’imprescindibilità di un Punto Nascite a Oglio Po.

N.C.

© Riproduzione riservata
Commenti

I commenti sono chiusi.