Salute
Commenta

Lions Viadana, promosso
incontro pubblico sulla sanità

Sanità, medicina e vaccini sono argomenti quanto mai attuali quindi l'incontro promosso dai Lions Club Viadagna Oglio Po è stato seguito con attenzione anche per l'intervento della Dottoressa Fabrizia Zaffanella.

mde
dig

Sanità, medicina e vaccini sono argomenti quanto mai attuali quindi l’incontro promosso dai Lions Club Viadagna Oglio Po è stato seguito con attenzione anche per l’intervento della Dottoressa Fabrizia Zaffanella. “Pubblico attento a seguire gli interventi della psicologa e psicoterapeuta Anna Nardoni di Parma e della dott.ssa Fabrizia Zaffanella, esperta di malattie infettive e vaccinazioni, nel corso dell’incontro organizzato dal Lions Club Viadana Oglio Po del presidente Luca Salvagni. Zaffanella – si legge nella nota stampa -dapprima ha ripercorso l’evoluzione delle vaccinazioni anticovid in provincia di Mantova e nel viadanese in particolare rimarcando come, rispetto ad un ritardo iniziale, ora le coperture vaccinali si avvicinano ai dati medi regionali e prosegue la somministrazione della terza dose. Ha poi ricordato le ulteriori campagne vaccinali rivolte agli adulti: antinfluenzale, antipneumococcica 13 valente e 23 valente, antiherpes zooster che si possono prenotare e ricevere a Viadana. Si tratta di misure di prevenzione fortemente raccomandate per diverse categorie a rischio e nella popolazione meno giovane. Nardoni ha affermato che le conseguenze dell’epidemia Covid 19 presentano spesso gli aspetti di un trauma psicologico collettivo, laddove un evento critico ed inaspettato colpisce a più livelli una intera popolazione creando una condizione di elevata emotività. Quando l’evento è fonte di stress interrompe la normale elaborazione delle informazioni a livello cerebrale; queste continuano a condizionare l’interpretazione del presente, i nostri comportamenti, le relazioni con gli altri. L’approccio EMDR promuove il processo di autoguarigione del cervello attraverso la stimolazione bilaterale alternata; non cancella i ricordi e le esperienze negative, ma li ricolloca nel passato, sbloccando le connessioni neuronali che contengono questi ricordi. Sopra tutto la constatazione che l’epidemia continua a lasciare segni profondi nei corpi e nelle menti di molti e anche tra i più giovani sono in forte aumento comportamenti ed atteggiamenti di disagio e disadattamento”.

redazione@oglioponews.it

© Riproduzione riservata
Commenti