Eventi
Commenta

Guastalla, lo stand dei Carabinieri
in fiera parla Casalasco

Un'occasione in più per farsi un giro e - perché no - magari incontrare chi, per tanti anni, si salutava al bar, tra la gente e in ogni occasione buona, in divisa o in borghese ma sempre e comunque col medesimo sorriso. E sempre con una parola per tutti coloro che lo avvicinavano, anche e solo per un saluto

E’ un legame forte quello che lega Guastalla al Casalasco. Nonostante gli anni passino. Proprio a Guastalla è comandante della Compagnia dei Carabinieri Luigi Regni, indimenticato comandante della Compagnia di Casalmaggiore. Grazie a questo legame, con una compartecipazione reggiano/casalasca, l’Arma di Guastalla ha allestito un interessante stand in occasione della Fiera di Santa Caterina, patrona della città. Una sorta di mostra, con pezzi pregevoli. Grazie a Poli di Rivarolo del Re tra gli oggetti che spiccano vi sono le copertine – tutte originali – della Domenica del Corriere che raffigurano episodi o situazioni della storia dell’Arma. Formica, presidente della sezione di Casalmaggiore dell’Associazione Carabinieri in congedo ha fornito una vetrina con i cimeli dell’Arma risalenti alla Grande Guerra e della Campagna d’Africa. A fare bella mostra anche tre manichini con uniformi storiche. Sono già passati 9 anni dallo spostamento del Comandante Luigi Regni – che risiede a Colorno – prima a Bologna e poi, dopo qualche anno a Guastalla. I capelli si sono fatti ancor più bianchi, ma la passione, l’umanità che lo ha sempre contraddistinto nei rapporti umani e le capacità del comandante di Guastalla sono sempre le stesse. Tutte doti che non lo hanno fatto dimenticare, neppure al di qua del Po. La mostra resterà aperta tutta la fiera, inaugurata stamattina durerà sino a domenica. Un’occasione in più per farsi un giro e – perché no – magari incontrare chi, per tanti anni, si salutava al bar, tra la gente e in ogni occasione buona, in divisa o in borghese ma sempre e comunque col medesimo sorriso. E sempre con una parola per tutti.

N.C.

© Riproduzione riservata
Commenti