Cronaca
I commenti sono chiusiCommenta

Viadana, tutto esaurito per il
concerto di Natale in San Pietro

L’evento rappresenta per il Corpo Bandistico l’occasione per chiudere l’annata, e quest’anno si è deciso di affiancare alla banda viadanese – una trentina circa i musicisti presenti - una violinista d’eccezione, la mantovana Costanza Scanavini

Sabato 18 dicembre nella Chiesa di San Pietro si è tenuto il tradizionale Concerto di Natale organizzato dal Comune di Viadana e con protagonista il Corpo Bandistico “Lodovico Grossi” diretto dal m° Fabio Codeluppi.

L’evento rappresenta per il Corpo Bandistico l’occasione per chiudere l’annata, e quest’anno si è deciso di affiancare alla banda viadanese – una trentina circa i musicisti presenti – una violinista d’eccezione, la mantovana Costanza Scanavini, alla quale alla fine dell’esibizione è stato donato un bouquet di fiori in segno di ringraziamento. L’altra novità è stata rappresentata dall’esordio assoluto della giovane Sofia Rovina, ancora minorenne, al clarinetto. Dopo tre anni di studi sullo strumento la ragazza, che inoltre frequenta il liceo musicale, si è esibita per la prima volta dal vivo in San Pietro, e ha ricevuto nell’occasione il tradizionale cappello quale segno simbolico di ingresso nella banda.

La serata era iniziata con i saluti da parte del sindaco Nicola Cavatorta – a nome di tutta l’amministrazione comunale – al pubblico presente (si è registrato il tutto esaurito, compatibilmente con le norme anti Covid-19) e si è conclusa, al termine del concerto, con altri saluti, quelli di don Antonio Censori, al quale sono andati i ringraziamenti da parte dell’amministrazione comunale per la disponibilità nel concedere la chiesa di San Pietro per l’evento. Altri ringraziamenti sono stati espressi sia dalle autorità locali che dal Corpo Bandistico – in testa il presidente Paolo Punta – ai volontari della Protezione Civile Oglio Po che hanno controllato i super green pass all’ingresso della chiesa.

Per quanto concerne il concerto, la scelta musicale è andata su un repertorio che ha contemplato musiche di Ennio Morricone e classici di Natale rivisitati, comprese due splendide versioni dell’Ave Maria di Franz Schubert e dell’Ave Maria di Giuseppe Verdi dall’Otello.

redazione@oglioponews.it

© Riproduzione riservata
Commenti

I commenti sono chiusi.