Cronaca
Commenta

Parma, arrestato pusher con
droga pronta allo smercio

I militari, riuscivano a bloccare ed identificare i due soggetti, oltre che recuperare quanto gettato, accertando che si trattava di un panetto di HASHISH, avvolto in cellophane trasparente del peso complessivo lordo di 100,00 grammi, posto sotto sequestro

Continua l’attività di controllo del territorio parmense da parte dei Carabinieri del Comando Provinciale di Parma, dopo i numerosi soggetti controllati, denunciati ed arrestati dai militari delle Compagnie di Parma, Fidenza, Salsomaggiore terme e Borgo Taro.

Nella tarda serata di ieri i Carabinieri Sezione Radiomobile della Compagnia di Parma, hanno controllato in Via IV Novembre, nelle adiacenze della rampa che scende nel greto del torrente Parma, località frequentata da spacciatori, due stranieri di origini africane, uno del Marocco l’altro del Gambia, che si atteggiavano in maniera sospetta ed accortosi della pattuglia, tentavano di cambiare strada e dileguarsi, mentre il marocchino si disfaceva di un plico lanciandolo aldilà di un cancello presente su citata strada,

I militari, riuscivano a bloccare ed identificare i due soggetti, oltre che recuperare quanto gettato, accertando che si trattava di un panetto di HASHISH, avvolto in cellophane trasparente del peso complessivo lordo di 100,00 grammi, posto sotto sequestro. Il marocchino di 43 anni, gravato da pregiudizi di polizia per reati contro la persona ed il patrimonio, vista il palese stato di flagranza, veniva tratto in arresto poiché ritenuto autore del delitto di detenzione ai fini di spaccio di stupefacenti e trattenuto a disposizione dell’Autorità Giudiziaria, presso le camere di sicurezza del Comando Provinciale di Parma.

Il cittadino del Gambia, invece gravato da precedenti di polizia per reati in materia di stupefacenti, cercava di nascondere e poi gettare per terra un piccolo involucro di cellophane, anch’esso recuperato dai Carabinieri, contenente una modica quantità di hashish, sequestrata amministrativamente segnalandolo quale tossicodipendente alle competenti autorità amministrative.

redazione@oglioponews.it

© Riproduzione riservata
Commenti