Solidarietà
Commenta

Solidarietà Coldiretti, 200 quintali
di cibo per le famiglie bisognose

"Un gesto colmo di umanità - sottolinea il primo cittadino di Rivarolo del Re Luca Zanichelli - che onora l'Associazione Coldiretti rappresentata dal Presidente Paolo Voltini e dalla direttrice Coldiretti Cremona Paola Bono. Essere vicino al prossimo, essere vicino a chi in questi duri periodi di pandemia è in difficoltà, è un dovere di tutti, ma per onorare questo dovere serve sempre la sensibilità"

“E’ un impegno che abbiamo preso con la nostra comunità: quello di essere vicini alle persone che più duramente pagano il prezzo della crisi che stiamo vivendo. Ed è dovere di ciascuno di noi fare la propria parte, ognuno per quello che può. Nel contempo, scegliendo e donando prodotti della nostra agricoltura, sosteniamo il lavoro degli agricoltori italiani, che con tenacia tengono fede all’impegno di garantire cibo per tutti”. Con queste parole Paolo Voltini, presidente di Coldiretti Cremona, ha dato avvio anche in terra cremonese alla distribuzione di cibo italiano di qualità destinato alle famiglie bisognose piegate dall’emergenza Covid.

La nuova iniziativa solidale messa in campo da Coldiretti prevede nei prossimi giorni la distribuzione di 200 quintali di cibo italiano di qualità alle famiglie lombarde. I pacchi contengono prodotti agroalimentari 100% Made in Italy: dalla pasta ai legumi, dalla passata di pomodoro al prosciutto crudo, dalla farina al Grana Padano e al Parmigiano Reggiano, dal Provolone al latte UHT, dall’olio extra vergine di oliva alla mortadella, dalla carne in scatola ai biscotti per bambini e agli omogeneizzati.

Coldiretti Cremona ha dato il via a questa operazione-solidarietà oggi pomeriggio, con agricoltori e sindaci del territorio riuniti presso il Consorzio Casalasco del Pomodoro, a Rivarolo del Re. Il prezioso dono è stato consegnato dal Presidente Paolo Voltini e dal Direttore Paola Bono a varie amministrazioni comunali del territorio, ad associazioni solidali, a realtà religiose, affinché i prodotti siano distribuiti alle persone bisognose.
Tra i destinatari del cibo solidale ci sono i comuni di Cappella de’ Picenardi, Unione di Delmona, Ostiano, Vescovato, Robecco, Unione Lombardia Terre di pievi e castelli, Unione lombardia del Comuni Oglio. Tra i primi cittadini presenti oggi alla consegna: il sindaco di Rivarolo del Re Luca Zanichelli, il sindaco di Castelvisconti Alberto Sisti, il sindaco di San Bassano Giuseppe Papa.

L’iniziativa – precisa Coldiretti Cremona – si inserisce nell’importante azione di solidarietà promossa da Coldiretti, Filiera Italia e Campagna Amica con la partecipazione delle più rilevanti realtà economiche e sociali del Paese, per dare un segnale di speranza alle fasce più deboli della società, soprattutto in questo momento di nuovi timori per il futuro con la pandemia Covid che è tornata a fare paura per la variante Omicron. L’operazione – continua la Coldiretti – vuole anche mettere in evidenza le grandi eccellenze alimentari del Paese che hanno contribuito a fare grande il Made in Italy in Italia e all’estero e rappresentano un risorsa determinante da cui ripartire.

I nuclei familiari destinatari dei pacchi solidali – specifica Coldiretti Cremona – vengono individuati da Coldiretti insieme alle amministrazioni comunali, associazioni caritatevoli e realtà del terzo settore. A livello nazionale dall’inizio della pandemia sono oltre 6 milioni i chili di prodotti tipici Made in Italy, a chilometro zero e di altissima qualità, distribuiti dagli agricoltori di Coldiretti Campagna Amica per garantire un pasto di qualità ai più bisognosi. Un impegno reso possibile dalla grande partecipazione volontaria dei cittadini al programma della “Spesa sospesa” promosso negli oltre mille mercati di Campagna Amica da Nord a Sud dell’Italia e dal contributo determinante di importanti realtà del Paese.

“Un gesto colmo di umanità – sottolinea il primo cittadino di Rivarolo del Re Luca Zanichelli – che onora l’Associazione Coldiretti rappresentata dal Presidente Paolo Voltini e dalla direttrice Coldiretti Cremona Paola Bono. Essere vicino al prossimo, essere vicino a chi in questi duri periodi di pandemia è in difficoltà, è un dovere di tutti, ma per onorare questo dovere serve sempre la sensibilità, l’attenzione per il prossimo, e quel sentimento, che caratterizza chi ricava i propri frutti dalla terra ossia, la generosità. Ringrazio di cuore a nome delle Comunità coinvolte per il nobile gesto tutte le attività che hanno aderito al progetto di Coldiretti. Che questi gesti siano esempio per tutti”.

redazione@oglioponews.it

© Riproduzione riservata
Commenti