Cronaca
Commenta

Vecchio ospedale, Leoni: "Fatto
il possibile con le agevolazioni"

Il Comune, nello specifico, come era stato deciso nel 2017, per favorire investimenti nell’area e quindi riqualificarla, in particolare ha previsto alcuni incentivi. GUARDA IL SERVIZIO TG DI CREMONA 1

La prima asta è andata deserta e così, non potendo per legge abbassare subito il prezzo (tale passaggio sarà possibile soltanto dal terzo tentativo), ASST di Cremona ha pensato se non altro di rendere noto a più persone possibili che l’ex Ospedale di Casalmaggiore, in via Cairoli 136, è in vendita mediante un’asta pubblica.

Lo ha fatto affiggendo sulle pareti fatiscenti della struttura – rimasta operativa fino al 1993, quando poi la sanità casalese passò all’ospedale Oglio Po di Vicomoscano, nato dalla chiusura dei nosocomi di Casalmaggiore, appunto, di Viadana e di Bozzolo – dei cartelli che indicano tutti i riferimenti per poter partecipare all’asta pubblica.

La seconda asta resterà attiva fino al 4 febbraio 2022 col prezzo di base fissato a 1 milione e 470mila euro (stessa cifra della prima asta) per un totale di 1520 metri quadrati da acquistare. Inutile evidenziare come la vendita dell’immobile sia l’unico modo per poterlo recuperare, considerando anche le agevolazioni fiscali che il comune ha inserito come l’abbattimento degli oneri di urbanizzazione. Il Comune, nello specifico, come era stato deciso nel 2017, per favorire investimenti nell’area e quindi riqualificarla, in particolare ha previsto alcuni incentivi, come ricorda il vicesindaco Vanni Leoni.

G.G.

© Riproduzione riservata
Commenti