scuola
Commenta

Cittadini Oggi, prosegue
il progetto alla Marconi

Quando Sintonizziamoci vedrà la luce sarà sicuramente un giornale vivo, dinamico, interessante e intelligente. Sarà un giornale con i quale ci confronteremo anche noi. Un punto di vista diverso del quale - senza ombra di dubbio - tenere conto

Imparano alla svelta a scrivere un articolo. O forse lo sanno fare da sempre. Serviva qualcuno che glielo dicesse, che spiegasse loro alcune semplici regole e che – quando anima e cervello sono collegati – nessuna cosa è impossibile. Neppure scrivere, neppure farsi leggere, donando qualche volta anche emozione. Hanno pensieri, ansie, sogni, idoli, ricordi, emozioni. Hanno cose belle, ed altre un po’ più pesanti da raccontare. Hanno soprattutto qualche timore, e sta proprio agli adulti incitarli a superare la difficoltà di esprimere ed esprimersi. Le lezioni di giornalismo alla Marconi si stanno avviando alla conclusione, ed è stata un’esperienza positiva. Per i ragazzi di quarta e quinta del plesso di Casalmaggiore e per le classi medie di Rivarolo del Re e anche per chi scrive. Fabio Guerreschi, Pierluigi Cremona, Andrea Setti (La Provincia), Giovanni Gardani e Nazzareno Condina (OglioPoNews), Vanni Raineri (Il Piccolo), Paolo Panni (Gazzetta di Parma, 12 TV Parma e OglioPoNews) hanno scelto di dare una mano alla scuola e alle classi. E forse ancor di più per chi scrive è stata un’esperienza bella. La prima parte del progetto Cittadini Oggi è in dirittura d’arrivo. Le lezioni degli insegnanti a scuola e gli incontri con chi della scrittura fa la propria professione si sono tenute per tutto il mese di marzo e si concluderanno con gli inizi di aprile. I ragazzi si sono già messi all’opera con i loro pezzi. E sono pezzi interessanti, degni d’esser letti con attenzione.

Cittadini oggi. Il titolo scelto per il progetto che porterà alla nascita del giornale on line Sintonizziamoci, è particolarmente azzeccato. Perché i ragazzi non sono cittadini del domani, ma lo sono già dell’oggi, meritano di essere letti, ascoltati, magari seguiti nei loro pensieri. Pensieri che sono spesso migliori dei nostri. E, in ogni modo, hanno la stessa dignità. I ragazzi, guidati dagli insegnanti e sotto la supervisione discreta della dirigente scolastica Sandra Guidelli e della responsabile del progetto, Donatella Araldi, scriveranno (o disegneranno, o fotograferanno) non solo quello che avviene a scuola, di per se importante, ma pure quello che avviene accanto a loro, sulle loro strade, nelle loro città e nel mondo. Sono cittadini del mondo, oggi. E si esprimeranno osservando, confrontandosi, sviluppando senso critico, chiedendo, mettendosi in gioco. Forse non sarà una rivoluzione, anche se per tanti punti di vista è un confronto con il quale tutti dovremo fare i conti.

La dirigente scolastica e il corpo insegnanti hanno voluto questo progetto. E non è stato difficile lasciarsi prendere dal loro entusiasmo. In fondo, loro, sanno bene cosa possono dare i ragazzi. Si confrontano con loro tutti i giorni. Sanno che sono i cittadini di oggi e che l’apprendimento nozionistico, da solo non basta. Serve, ma non basta. Sanno che al mondo, e per il mondo anche alla luce degli accadimenti attuali, la loro voce è importante, se non fondamentale.

Impareranno alla svelta – i ragazzi – anche le nozioni tecniche, l’utilizzo delle immagini e di wordpress, sono più elastici sicuramente di tanti adulti, compreso chi scrive queste righe. E quando Sintonizziamoci vedrà la luce sarà un giornale vivo, dinamico, interessante e intelligente. Sarà un giornale con i quale ci confronteremo anche noi. Un punto di vista diverso del quale – senza ombra di dubbio – tenere conto. “Abbiamo solo scelto di accompagnarli per un piccolo pezzo di strada”. Poi – ne siamo certi – voleranno da soli.

N.C.

© Riproduzione riservata
Commenti