Cronaca
I commenti sono chiusiCommenta

Rotary POC, service a
favore dell'ospedale di Asola

Allo scopo di presentare e illustrare ai soci di entrambi i Club Rotary l’iniziativa, si è svolta una conviviale presso il Resort Il Tesoro di Rivalta sul Mincio. Relatori Stefano Sardini (Presidente dell’Associazione Amici dell’Ospedale di Asola) e Vincenzo Schepis (Responsabile del DH ortopedico del Presidio Ospedaliero asolano)

Il Rotary Club Piadena Oglio Chiese presieduto da Francesco Fabozzi si è reso protagonista di una donazione a favore della sanità del territorio. Si tratta del service attuato dal RC Mantova Postumia e dal RC Piadena Oglio Chiese, in collaborazione con altre Associazioni che hanno offerto il loro determinante contributo economico (Abeo Mantova, Banca Cremasca e Mantovana, Fondazione Comunità Mantovana, Banca Agricola Mantovana, Coldiretti) finalizzato all’acquisto e donazione all’ospedale di Asola di un litotrissore, cioé di una strumentazione elettromedicale per la terapia di patologie ortopediche derivanti dalla formazione intra-articolare o tendinea di concrezioni calcaree.

La strumentazione è stata presentata e consegnata l’8 marzo scorso presso l’Ospedale di Asola nel corso di una cerimonia alla quale erano presenti, oltre al Presidente Dr. Sardini e ai rappresentanti dei Soggetti donatori, il Direttore Generale dell’ASST di Mantova Dr.ssa Mara Azzi, il Direttore sanitario dell’ATS di Mantova Dr. Renzo Boscaini, il Direttore sanitario di Presidio Dr. Fabio Pajola, e gli Specialist della Ditta fornitrice che hanno brevemente illustrato ai presenti le potenzialità della strumentazione donata.

Allo scopo di presentare e illustrare ai soci di entrambi i Club Rotary l’iniziativa, si è svolta una conviviale presso il Resort Il Tesoro di Rivalta sul Mincio. Relatori Stefano Sardini (Presidente dell’Associazione Amici dell’Ospedale di Asola) e Vincenzo Schepis (Responsabile del DH ortopedico del Presidio Ospedaliero asolano).

L’apparecchio elettromedicale donato consentirà al Servizio di Ortopedia del Presidio asolano di offrire all’Utenza del territorio (e anche oltre i confini del territorio che gravita intorno all’Ospedale) una prestazione che finora era erogabile solo presso alcune strutture sanitarie limitrofe per lo più private e solo dopo lunghe liste di attesa. Inoltre la strumentazione donata consentirà il trattamento anche di patologie non strettamente ortopediche, quali quelle del pavimento pelvico e delle ustioni.

redazione@oglioponews.it

© Riproduzione riservata
Commenti

I commenti sono chiusi.