Cultura
I commenti sono chiusiCommenta

Sabbioneta, l'epopea dei Gonzaga
raccontata da Carlos di Vescovato

La conferenza, organizzata dal Comune di Sabbioneta e dalla Associazione Pro Loco, introdotta dai saluti istituzionali del sindaco Marco Pasquali e coordinata da Alberto Sarzi Madidini, è ad ingresso libero

I Gonzaga, una delle più note famiglie nobili d’Europa, governarono Mantova e il Monferrato grazie ad abili politiche diplomatiche, matrimoniali e religiose. I numerosi rami cadetti invece dominarono Bozzolo, Guastalla, Sabbioneta, Vescovato, Luzzara e altre località italiane e francesi. Protagonisti della storia dal XIV al XVIII secolo furono straordinari mecenati e sostennero la vita artistica e culturale al più alto livello. Tra la fine del Seicento e l’inizio del secolo successivo i vari rami dei Gonzaga si estinsero, uno solo si è mantenuto fino ad oggi: quello del Marchesato di Vescovato.

La storia e le vicende secolari di questa casata, poco conosciute forse perché che non ha dato vita ad una forte signoria nei suoi feudi ed è sempre rimasta molto legata al ramo sovrano di Mantova, saranno raccontate dal principe Carlos Gonzaga di Vescovato, durante un incontro pubblico che si terrà nel Teatro all’Antica sabato 25 giugno alle ore 17.

La conferenza ha l’obiettivo di fornire una maggiore conoscenza della storia di questa linea dinastica nel fluire delle generazioni, nel ricordo delle origini e del legame con il territorio. Attraverso aneddoti e ricordi di famiglia, il principe Carlos che da decenni ama e frequenta Sabbioneta, narrerà dell’estinzione delle altre linee familiari e le vicende dei Gonzaga di Vescovato dall’arrivo di Napoleone in Italia fino ai giorni nostri.

La conferenza, organizzata dal Comune di Sabbioneta e dalla Associazione Pro Loco, introdotta dai saluti istituzionali del sindaco Marco Pasquali e coordinata da Alberto Sarzi Madidini, è ad ingresso libero.

Non è necessaria la prenotazione, per eventuali informazioni contattare l’Infopoint (0375 221044 – info@turismosabbioneta.org).

redazione@oglioponews.it

© Riproduzione riservata
Commenti

I commenti sono chiusi.