Cronaca
Commenta

Addio ad Angiolino Fochi,
totem del ciclismo sabbionetano

In questi ininterrotti 48 anni di presidenza del sodalizio ciclistico, Angiolino ha saputo trasmettere a tutti, talentuosi e non, passione e fascino per questo faticoso sport; enciclopedia vivente della bicicletta e navigatore satellitare umano dei più bei percorsi, aveva sempre le parole giuste per aiutare e motivare gli sportivi che lo avvicinavano.

Il mondo dello sport Sabbionetano, e del ciclismo in particolare, piange la scomparsa di Angiolino Fochi: un amico di tutti che, dopo famiglia e lavoro, trovava sempre il tempo anche per diffondere tanta sana passione per lo sport.

Dopo aver praticato l’attività agonistica da giovane come invalicabile portiere ed infaticabile ciclista, è diventato poi promotore di tantissime iniziative sportive, volte a diffondere soprattutto tra i giovani i più sani principi dello sport e della competizione. Nel 1974 ha “fondato” il ciclismo a Sabbioneta, coinvolgendo l’amico industriale Antonio Tenca, e costituendo ufficialmente il Gruppo Sportivo Panguaneta.

In questi ininterrotti 48 anni di presidenza del sodalizio ciclistico, Angiolino ha saputo trasmettere a tutti, talentuosi e non, passione e fascino per questo faticoso sport; enciclopedia vivente della bicicletta e navigatore satellitare umano dei più bei percorsi, aveva sempre le parole giuste per aiutare e motivare gli sportivi che lo avvicinavano. Fino a pochi anni fa lo si vedeva sfrecciare sulla sua bici da corsa con casco e tuta da ciclista, e se avevi le gambe allenate lo potevi anche affiancare per qualche chilometro e farti raccontare qualcuno dei sui numerosi aneddoti sul ciclismo.

Ma la sua fama non si fermava al territorio Sabbionetano, anche nell’amata Versilia dove si trasferiva appena possibile era conosciuto ed apprezzato come esperto ciclista, tanto che se qualche sabbionetano in bici da corsa si aggregava a qualche gruppo in pedalata in quelle zone era quasi certo di sentirsi dire “… Ah sei di Sabbioneta, allora conosci Angiolino!”.

I funerali, seguiti dalle Onoranze Funebri Roffia, si svolgeranno a Sabbioneta mercoledì 3 alle ore 9.30 partendo dall’abitazione di via Racheli 2 per la chiesa della Beata Vergine Incoronata, indi al cimitero locale. Angiolino lascia i figli Daniela e Giacomo, il genero Galdino, la nuora Laura, i nipoti Simone, Jacopo, Filippo, Alice e parenti tutti.

redazione@oglioponews.it

© Riproduzione riservata
Commenti