Cronaca
Commenta

Bozzolo, mamma chiama in causa
il sindaco: "Mantenga le promesse!"

"Vorremmo sapere - spiega la mamma - se le promesse da lei fatte pubblicamente diversi mesi fa riguardanti l'ampio progetto messo in campo dal comune per far fronte a comportamenti problematici di alcuni ragazzi del paese mediante la collaborazione di un educatore di strada sono state dimenticate"

E’ una mamma che ci scrive, a nome suo e di altre. E chiede di non essere nominata direttamente, pur lasciando il suo riferimento. Una mamma preoccupata. A Bozzolo, a suo dire, le promesse fatte non sono state mantenute e si rivolge direttamente al sindaco Giuseppe Torchio affinché quelle promesse le mantenga e lavori per tutti, adolescenti compresi che, pur non votando, sono ugualmente cittadini. “Vorremmo sapere – spiega la mamma – se le promesse da lei fatte pubblicamente diversi mesi fa riguardanti l’ampio progetto messo in campo dal comune per far fronte a comportamenti problematici di alcuni ragazzi del paese mediante la collaborazione di un educatore di strada sono state dimenticate. Perché a noi sembra che si stiano dicendo un sacco di parole al solo scopo di procastinare“. E’ al sindaco che la mamma continua a rivolgersi: “Come primo cittadino è informato su qualsiasi fatto che accade in paese, ma fa finta che tutto vada bene! Continua a far sembrare il suo paesello immacolato in una bolla di sapone pronta a scoppiare, se non verranno prese soluzioni educative nell’immediato, come promesso. Lei e le figure preposte alla realizzazione di questo fantomatico progetto avete tolto qualsiasi speranza a questi ragazzi, i quali dopo due anni di pandemia, si ritrovano allo sbando in un paese morto, senza risorse, dove essere adolescenti è una colpa. Siamo convinti che l’intervento di un educatore con il compito di intercettare i ragazzi, condividere con loro criticità e attività di crescita, si sarebbe già dovuto introdurre nei mesi estivi, critici per i ragazzi vista la chiusura delle scuole e la mancanza nel nostro paese di centri di aggregazione, strutture ricreative, risorse sportive per la fascia d’età adolescenziale. A volte basta veramente poco, basta solamente volerlo. Oltre agli aperitivi, le feste e fiere di paese, deve pensare anche a loro, ai nostri giovani, il futuro. Signor Sindaco, che futuro si trovano davanti i ragazzi a Bozzolo? Servono ben poco gli incontri con i genitori se di fatto non viene messo in atto ciò che lei ha promesso. Basta parole, abbiamo bisogno di fatti ed attendiamo urgentemente risposte“.

redazione@oglioponews.it

© Riproduzione riservata
Commenti