Eventi
I commenti sono chiusiCommenta

Viadana, a Ferragosto si rinnova la
tradizione della giornata del Paesaggio

L’evento è organizzato dal MuVi, dagli Assessorati alla Cultura e allo Sport, dall’Ecomuseo Terre d’Acqua Tra Oglio E Po con la collaborazione di Protezione Civile, L’Ippocastano e Pro loco. Non è necessaria alcuna pre-iscrizione, la partecipazione è libera e gratuita

Com’è ormai tradizione, anche quest’anno nella mattinata di Ferragosto a Viadana si svolgerà la “Giornata del Paesaggio”. La tredicesima edizione dell’evento cicloturistico a sfondo culturale si snoderà in un percorso di circa 20 km complessivi e adatto a tutte le età lungo un itinerario che avrà quali temi portanti tre luoghi legati a Sant’Antonio, il ricordo di don Primo Mazzolari e di Grazia Deledda, la torre dei containers a Cicognara e in ultimo, a Buzzoletto, il meritato finale con rinfresco presso l’azienda agricola L’Ippocastano, tra cavalli e… pappagalli.

La partenza è fissata per le ore 8.30 di fronte al MuVi, con rientro a Viadana previsto indicativamente per le ore 12.30. Partendo dal centro storico, il gruppo – non è necessario prenotarsi in anticipo, ma farsi trovare sul posto all’ora stabilita – muoverà in direzione di Cogozzo con prima tappa presso la Chiesa Parrocchiale dei Ss. Filippo e Giacomo Apostoli che custodisce due tele dedicate a Sant’Antonio. Si prosegue verso Cicognara e la Torre dei Containers, opera del 2010 progettata dagli ingegneri Ugo Ziliotto e Claudio Vincenzi all’interno dell’azienda Seletti (verrà letta una breve descrizione gentilmente scritta da Miria Seletti). La terza tappa è la casa abitata dal Premio Nobel per la Letteratura Grazia Deledda, in via Codebruni Levante a Cicognara. Quarta tappa sarà la Madonna Addolorata, posta sul confine tra i Comuni di Viadana e Casalmaggiore e tra le province di Mantova e Cremona, e subito dopo quinta tappa presso la Madonna Scesa dal Tetto, storico luogo di devozione. Si proseguirà quindi verso la sesta tappa, il Monumento a don Primo Mazzolari, fatto costruire dai cicognaresi per onorare il loro parroco. La settima tappa sarà in cima all’argine, presso il chiesolino dedicato a Sant’Antonio da Padova. Sempre a Sant’Antonio da Padova è dedicata la cappella che sorge tra l’Argine Maestro e via Ormondo Maini, in quella che sarà l’ottava tappa del percorso, da raggiungere dopo un consistente tratto arginale, a Viadana. La nona e ultima tappa sarà l’allevamento equino – ricovero per cavalli L’Ippocastano, a Buzzoletto, dove grazie alla gentilezza del proprietario Ivo Ludi sarà possibile rinfrescarsi e beneficiare del rinfresco offerto.

L’evento è organizzato dal MuVi, dagli Assessorati alla Cultura e allo Sport, dall’Ecomuseo Terre d’Acqua Tra Oglio E Po con la collaborazione di Protezione Civile, L’Ippocastano e Pro loco. Non è necessaria alcuna pre-iscrizione, la partecipazione è libera e gratuita e il gruppo dei partecipanti sarà scortato lungo gli argini dalla Protezione Civile e dalla polizia locale. Presentarsi con mascherina e gel sanificante, acqua, cappello e… zampironi. Per ulteriori informazioni contattare il numero 3403517104.

redazione@oglioponews.it

© Riproduzione riservata
Commenti

I commenti sono chiusi.