Cronaca
I commenti sono chiusiCommenta

Renata Fontana, Roma e la Spezia
per gli animali: "Esperienza unica"

"E' stata un'esperienza davvero unica. Ho stretto legami con persone che ogni giorno si impegnano a tutela degli animali, tanti volontari che mettono tutto quello che hanno in quello che fanno. Ora gli animali della Sfattoria e quelli di La Spezia sembrano più al sicuro, ma bisogna restare vigili. E comunque, sia nell'uno che nell'altro caso, dovessero esserci novità negative, sono pronta a ripartire"

E’ rientrata a casa ieri mattina Renata Fontana, attivista animalista e presidente dei 4Cats di Gussola che aveva deciso di raggiungere la Sfattoria degli ultimi per portare la propria testimonianza e dar man forte ai ragazzi volontari della struttura romana i cui animali (cinghiali, maiali e ibridi) sono a rischio abbattimento. Non solo Renata ha raggiunto Roma, ma è andata anche a La Spezia per dar man forte ad un’altra situazione di difficoltà in cui a rischio è una famiglia di cinghiali. E’ felice. “Un’esperienza arricchente dal punto di vista umano, che mi ha dato modo di conoscere volontari da tutta Italia e persone che si battono ogni giorno per i diritti degli animali. Chi li ama dovrebbe fare un’esperienza simile”.

A Roma Renata ha conosciuto non solo gli instancabili volontari della Sfattoria, ma anche Enrico Rizzi, leader animalista, vegano, da oltre 15 anni impegnato nella tutela giuridica degli animali, collaboratore delle istituzioni e anche dalla magistratura che ne riconoscono l’impegno a tutela dei più deboli, giornalmente a contattato dalle forze dell’ordine di tutte le città italiane che ne riconoscono la sua preparazione nell’ampia normativa collegata alla tutela degli animali, tanto da essere nominato Ausiliario di polizia giudiziaria proprio durante interventi legati al contrasto dei crimini commessi a danno degli animali. Oltre a Rizzi sempre a Roma Renata ha conosciuto Andrea Cisternino, italiano, titolare di un rifugio per oltre 400 animali vicino Kiev che non ha abbandonato nonostante la guerra. “Persone speciali, davvero speciali e disponibili. Tanta roba, davvero tanta roba. Sono contenta d’avere stretto un’amicizia. Con Cisternino ci siamo spostati da Roma a La Spezia, abbiamo avuto modo di parlare e di passare una serata tutti insieme. E’ davvero un gigante”.

“E’ stata un’esperienza davvero unica. Ho stretto legami con persone che ogni giorno si impegnano a tutela degli animali, tanti volontari che mettono tutto quello che hanno in quello che fanno. Ora gli animali della Sfattoria e quelli di La Spezia sembrano più al sicuro, ma bisogna restare vigili. E comunque, sia nell’uno che nell’altro caso, dovessero esserci novità negative, sono pronta a ripartire”.

N.C.

© Riproduzione riservata
Commenti

I commenti sono chiusi.