Feste e turismo
I commenti sono chiusiCommenta

Operatori del cicloturismo
alla scoperta dell’Oglio Po

I prossimi appuntamenti saranno dal 13 al 15 settembre, con giornalisti e blogger italiani specializzati nei viaggi lenti su due ruote, e dal 19 al 21 settembre con operatori rivolti a turisti provenienti da Austria, Svizzera, Olanda e Stati Uniti

Fino al 21 settembre trepress tour guideranno giornalisti e tour operator italiani ed esteri specializzati nelle due ruote attraverso il territorio dell’Oglio Po. L’iniziativa, realizzata dal GAL Oglio Po e dal Parco Regionale Oglio Sud nell’ambito del progetto BikeFriendly, vuole mostrare agli addetti ai lavori il Bike Tour del fiume Oglio con un punto di visto privilegiato sulla cultura e sull’enogastronomia del luogo. Il primo evento promozionale della durata di 3 giorni si è concluso lo scorso 30 agosto e ha coinvolto quattro operatori del cicloturismo italiano lungo l’asta dell’Oglio, in un circuito sull’Oglio da Ostiano a Piadena. I prossimi appuntamenti saranno dal 13 al 15 settembre, con giornalisti e blogger italiani specializzati nei viaggi lenti su due ruote, e dal 19 al 21 settembre con operatori rivolti a turisti provenienti da Austria, Svizzera, Olanda e Stati Uniti. Il programma prevede una visita di tre giorni con partenza da Cremona (punto di snodo per valorizzare l’attrattività dell’area), per poi spostarsi verso Ostiano e Isola Dovarese dove è previsto il pernottamento del primo giorno. Il secondo giorno è dedicato alle lanche di Runate e Gerra Gavazzi e agli argini che collegano Isola a Carzaghetto e Canneto sull’Oglio. Qui ci sarà tempo per visitare l’Ecomuseo e il Mulino Einstein per poi concludere la giornata con il pernottamento a Castelfranco d’Oglio. L’ultimo giorno sarà dedicato a PiadenaDrizzona con le sue specialità gastronomiche e la visita al Museo Archeologico Platina. I press tour si inseriscono nelle attività di promozione territoriale che il GAL Oglio Po sta portando avanti con due progetti specifici: Destinazioni Rurali e BikeFriendly, entrambi sostenuti grazie ai fondi FEASR di Regione Lombardia. In questo caso le visite rientrano nel progetto Bike friendly che si propone di avviare un modello di sviluppo economico sostenibile basato su itinerari e piste ciclabili di lunga percorrenza, pienamente integrato con gli aspetti ambientali e identitari delle aree interessate. La formula di visita che è stata proposta agli operatori di settore si basa su una fruizione innovativa del Bike Tour dell’Oglio (che valorizza la Ciclovia dell’Oglio, Brezza ufficiale della VENTO), dedicata ad appassionati e neofiti desiderosi di un turismo introspettivo, culturale e legato alle tradizioni enogastronomiche. Il primo gruppo di operatori ha concluso con soddisfazione la prima esperienza, ora non resta che accogliere i prossimi ospiti e attendere sul territorio i risultati di queste iniziative.

redazione@oglioponews.it

© Riproduzione riservata
Commenti

I commenti sono chiusi.