Cultura
Commenta

L'Irlanda al cinema: The Quiet
Man, "atto d'amore" di John Ford

Il film vinse numerosi premi internazionali tra cui due Oscar (regia e miglior attore non protagonista) e altre quattro nomination. Ingresso: Posto Unico € 5,00

La rassegna di film dedicata alla cinematografia irlandese prosegue con The Quiet Man, uno dei più grandi film perché intelligente, felicissimo e nostalgico. Un atto d’amore di Ford verso la terra della sua famiglia. Lo straniero Wayne, americano pragmatico, si scontra con la scomoda tradizione irlandese e scopre che, tutto sommato, la vita era bella anche se guidata da riti e condizionamenti a prima vista inutili. Un film perfetto sotto tutti gli aspetti, a cominciare da quello figurativo, grazie alla campagna irlandese, ai corsi d’acqua, ai ponti e alle case di mattoni.

Per il primo film interamente girato in Irlanda John Ford fa ricorso a una struttura a flashback che sottolinea il tono di favola antica, e porta in primo piano quella serenità di sguardo sulle passioni umane e sui fatti della vita che sottende tutte le sue commedie e caratterizza alcuni dei passaggi migliori dei suoi grandi western. The Quiet Man è una commedia che ha il respiro della classicità: capace di trascorrere senza soluzione di continuità dal comico al tragico, dall’elegiaco al malinconico, dal bozzettismo sorridente all’omerica coralità del combattimento finale.

La struttura più intima del film, infine, è quella di un lungo viaggio esistenziale: dalla tempesta interiore di un animo tormentato alla serenità del suo dissolversi nella culla antica di una riconosciuta collettività ancestrale; con uno sviluppo molto simile a quello di tanti western, dove il protagonista si acquieta solo trovando, alfine, il proprio posto al centro dell’inquadratura e identificandosi completamente con una natura penetrata sempre più a fondo, in campo lungo. È nel corso di questo viaggio che Ford costruisce quelle infinite variazioni drammaturgiche, stilistiche e tonali che fanno di The Quiet Man, per dirla con Janey Ann Place (The Western Films of John Ford, 1974), “uno dei film più rivoluzionari del cinema americano”.

Il film vinse numerosi premi internazionali tra cui due Oscar (regia e miglior attore non protagonista) e altre quattro nomination. Ingresso: Posto Unico € 5,00

redazione@oglioponews.it

© Riproduzione riservata
Commenti