Arte
Commenta

Lodi, torna il Festival della Fotografia
Etica con il World Press Photo

Dal 24 settembre al 23 ottobre Lodi torna a raccontare il nostro mondo nella XIII^ edizione del Festival della Fotografia Etica. Un mondo in continuo e veloce cambiamento di cui la fotografia congela il momento e ci aiuta a capire

A red dress along the highway signifies the children who died at the Kamloops Indian Residential School in Kamloops, British Columbia on Saturday, June 19, 2021. Red dresses are also used to signify the disproportionate number of missing and murdered Indigenous women and girls. Amber Bracken for The New York Times
For tens of thousands of years, Aboriginal people - the oldest continuous culture on earth - have been strategically burning the country to manage the landscape and to prevent out of control fires. At the end of the wet season, there's a period of time where this prescribed burning takes place. I visited West Arnhem Land in April/May 2021 and witnessed prescribed aerial and ground burning.
Mundurukus Indians line up to board a plane at Altamira Airport after protesting against the construction of the Belo Monte Dam on the Xingu River. The Mundurukus inhabit the banks of the Tapajós River, where the government has plans to build new hydroelectric projects. Even after counter pressure from indigenous people, environmentalists and non-governmental organizations, the Belo Monte project was built and completed in 2019.
This photograph shows a deserted classroom at the Government Girls Secondary School, the day after the abduction of over 300 schoolgirls by gunmen in Jangebe, a village in Zamfara State, northwest of Nigeria on February 27, 2021. - More than 300 schoolgirls were snatched from dormitories by gunmen in the middle of the night in northwestern Zamfara state on February 26, in the third known mass kidnapping of students since December. (Photo by Kola Sulaimon / AFP)
février 2013 - Betroka, MADAGASCAR - Le sergent Stéphane est un commando du Régiment des Forces d'Intervention (RFI) basé à Antananarivo. Son régiment opère dans la région de Betroka et dans les montagnes de l'Andriry afin de, comme il le précise, "chasser du dahalo". L'opération Tandroka était une opération militaire d'envergure, lancé par les autorités en décembre 2012 pour tenter d'éradiquer le phénomène de vols et traffics de zébus. Les militaires ont rapidemment étaient accusés par Amnesty International d'avoir commis des exactions et tortures sur des villageois pendant leur raids.
-All the images in this series are manipulated and partially computer generated, with a completion date of February 2021- Tamara, a local woman who writes for several of Veles fake news sites, poses for a portrait (fictional caption). 'The Book of Veles' is a photographic exploration of the phenomena of fake news and synthetic information. The book was published in April 2021, appearing to be an ordinary documentary photo book about the town of Veles in North Macedonia. The town placed itself on the world map in 2016 as an epicenter for the production of fake news, when local youth set up hundreds of news websites that pretended to be American news portals. These sites, with names such as NewYorkTimesPolitics.com, spread to millions of people through Facebook and Twitter’s algorithms. While the goal of the sites’ creators was simply to earn money through banner ads, they could also have inadvertently have had a real impact on the election of Donald Trump. The book also weaves in a story about a mischievous pre-Christian pagan bear-god called Veles and the 1919 ‘discovery’ of a forged ‘ancient’ manuscript called the Book of Veles. After my book had been sold for half a year, had been shared on my social media channels and had even been screened at a photojournalism festival, I revealed (through a fake social media profile) that the whole photographic project itself was a forgery: All the people pictured in the book are in fact computer-generated 3D models which I posed and inserted into empty background tableaus from Veles. Many of the animals and important objects in the series were also non-camera-based renderings. The text in the book was written by an AI machine learning system called GPT-2. In essence, Book of Veles is a fake story about real people who made fake news. However, before I myself revealed the truth behind the project, nobody in the industry posed any questions about the material - on the contrary, it was well received and applauded a
CAPTION: Antonella gets sleepy while studying, she often studies in bed. She feels lack of motivation. “Nothing beats being in the classroom”, she says. In this picture, I captured the moment she yawns while studying language. Sometimes she studies from bed as she lacks the motivation to get up. NOTE: The portrait was taken with the explicit consent and in full cooperation with the subject's mother. Both the parents and the subject were adequately informed of the nature, purpose and distribution of the project.
Gervasio Gonçalvez, crab catcher and fisherman at the Paraíba do Sul delta for the past 30 years, stands beside his boats, now stored at his house’s backyard. About 60% of the rivers water volume was detoured to supplies the city of Rio de Janeiro. The right mouth of the Paraíba do Sul delta is shutting and, due to silting, bigger boats cannot reach the high seas. The ones that get stranded in the attempt must wait until the full moon to continue their journey.
Aleksandra Berezina have saved up as much as she could and hope it can last until she finds a job back in Lithuania. Returning to her birth country feels equally exiting and terrifying. She is longing for a new start, but dreads facing the disappointment of those she left behind ten years ago.
August 13, 2010 Children play tag on a pyramid of straw bales under a rainbow at Spring Valley Hutterite Colony after a light rain shower on a warm August evening.
To the delight of their children, Nahndy Malbrough (center, left) gives her partner April Turner a kiss after they were wed by Justice of the Peace Judge Valencia Nash at the South Dallas Government Center, February 22, 2022. Their kids (from left), Kymmani Malbrough, SJ Tucker and Talia Phoenix served as their bridal court. The docket in the courts building were full of couples wanting to be wed on palindrome date- 22nd day of the 2nd month of 2022.

Ci siamo. Dal 24 settembre al 23 ottobre Lodi torna a raccontare il nostro mondo nella XIII^ edizione del Festival della Fotografia Etica. Un mondo in continuo e veloce cambiamento di cui la fotografia congela il momento e ci aiuta a capire. A Lodi, ad aprirci finestre su situazioni e storie a noi spesso sconosciute, saranno quasi 100 fotografi da ogni parte del pianeta con oltre 20 mostre per coinvolgere il pubblico attraverso progetti inediti, esposti in spazi all’aperto e nelle prestigiose location della città.

Un Festival che vuole amplificare la visibilità di storie uniche, emozionanti e necessarie.

Cuore espositivo rimane il World Report Award – Documenting Humanity. Cinque le sezioni che lo compongono, con i relativi vincitori scelti dalla Giuria composta da Chloe Coleman, photo editor di The Washington Post, Gloria Crespo MacLennan, photeditor di El Pais, Alberto Prina e Aldo Mendichi, coordinatori del Festival.

A partire dalla categoria MASTER, vinta dal brasiliano Felipe Fittipaldi con Eustasy, viaggio che documenta l’innalzamento delle acque e i disastrosi interventi che hanno reso Atafona, in Brasile, il caso più significativo di erosione costiera nel mondo; nella medesima sezione riceve una menzione speciale Alessio Mamo con il suo progetto Uncovering Iraq, in cui ha documentato il lavoro di un team di esperti iracheni e internazionali per portare alla luce le fosse comuni nel Paese; la categoria SPOTLIGHT va alla norvegese Line Ørnes Søndergaard e al suo The Split – A Brexit Love Story, per capire quelle che sono le cause che hanno condotto alla Brexit, con lo scopo di andare oltre i titoli dei giornali e presentare una narrativa complessa, una storia che parla di confini che vengono aperti e menti che vengono chiuse; la categoria SHORT STORY è stata vinta dall’italiana Isabella Franceschini con Becoming a Citizen, straordinario racconto di giovani cittadini che sostengono valori democratici e di Michelle, una ragazza di soli 15 anni, la sindaca più giovane d’Italia e la prima ad accedere alla carica di consigliere regionale; il tedesco Valentin Goppel si è aggiudicato la categoria STUDENT con il lavoro Between the Years, ossia la storia della gioventù tedesca durante il periodo della pandemia; la sezione SINGLE SHOT è stata vinta dall’americano Tom Fox, menzione speciale per la tedesca Julia Gunther. Tutte le mostre del World Report Award sono raccolte e visitabili in Palazzo Barni.

Ma tante sono le novità quest’anno, a partire dallo Spazio World Press Photo ospitato presso lo spazio Bipielle Arte. Il celebre concorso internazionale di fotogiornalismo e fotografia documentaria più famoso al mondo che si svolge da oltre 50 anni e indetto dalla World Press Photo Foundation di Amsterdam, vede la città di Lodi protagonista con una tappa del suo tour che conta oltre 100 città nel mondo. Quasi 150 immagini che arrivano dai 5 continenti.

C’è una prima volta per tutto, e quest’anno al Festival della Fotografia Etica di Lodi fa il suo arrivo il World Press Photo, con l’esposizione dei vincitori del 2022.

Il grande concorso internazionale di fotogiornalismo e fotografia documentaria più famoso al mondo che si svolge da oltre 50 anni e indetto dalla World Press Photo Foundation di Amsterdam, vede Lodi protagonista con una tappa del suo tour che conta oltre 100 città nel mondo. Quasi 150 immagini che arrivano dai 5 continenti per raccontare storie incredibili.I lavori premiati sono stati scelti tra i 64.823 candidati, tra fotografie e open format, realizzati da 4.066 fotografi provenienti da 130 paesi del mondo: si tratta di lavori firmati per le maggiori testate internazionali, come National Geographic, BBC, CNN, Times, Le Monde, El Pais che si contendono il titolo nelle diverse categorie del concorso di fotogiornalismo. Tutto è iniziato nel 1955, quando un gruppo di fotografi olandesi organizzò il primo concorso internazionale “World Press Photo”. Da allora, l’iniziativa ha acquistato slancio fino a diventare il concorso fotografico più prestigioso al mondo e la mostra di fotogiornalismo più visitata.

Grande attenzione, come sempre, sarà per la sezione Uno Sguardo sul Mondo, visitabile presso il Palazzo della Provincia, che propone due percorsi realizzati in collaborazione con Agence France-Press attraverso lo sguardo di diversi fotogiornalisti che racconteranno alcune delle tematiche internazionali più calde quali la guerra in Ucraina e la situazione in Afghanistan un anno dopo la ripresa del potere da parte dei Talebani.

Lo Spazio Approfondimento quest’anno ospiterà il progetto di Vital Impacts, un gruppo di fotografi della celebre rivista National Geographic e non solo, coinvolti da Ami Vitale, che fanno squadra per venire in soccorso della natura e farci riflettere sui tanti problemi che affliggono il nostro pianeta. Un viaggio intorno al mondo alla scoperta di paesaggi esotici, animali in via di estinzione, terre lontane e poco esplorate per conoscere uomini e donne che ogni giorno lavorano per la conservazione delle specie e per salvaguardare la Terra Madre. Parte di questa mostra sarà esposta sia outdoor, nei Giardini pubblici di Lodi, con lo scopo di far vivere la fotografia nella comunità, che indoor nell’ex Chiesa dell’Angelo.

Lo Spazio No Profit nel chiostro del ex-ospedale Gorini quest’anno sarà ricco di ben 3 progetti: il fotografo Sebastian Gil Miranda per l’organizzazione Na Ponta dos Pés con Ballet against Bullets, progetto che mira a favorire l’empowerment delle bambine, offrendo opportunità di crescita, apprendimento e trasformazione sociale, attraverso la danza e altre attività educative artistiche, culturali e sportive; l’italiano Gianluca Colonnese per il Progetto Aisha con Amina – La donna che insegna a volare, sul tema della violenza e discriminazione contro le donne indipendentemente dalla loro fede religiosa; l’italiano Giovanni Diffidenti per Parkinson Italia Onlus con il progetto Non chiamatemi morbo.

Tocca poi a Le vite degli altri, spazio tematico di Palazzo Modignani che conterrà sei bellissimi focus fotografici: l’italiana Erika Pezzoli con Artemis, storia della giovane Carola che fa parte del 2% delle cacciatrici donne in Valle d’Aosta e che ha scelto di consumare quasi unicamente la carne degli animali che caccia; il cinese Xiangyu Long con TikTok in Kham, per scoprire come un video di sette secondi caricato su TikTok ha trasformato un pastore di yak del Tibet, in una celebrità online nel giro di una notte producendo un impatto profondo sul suo villaggio natale; la canadese Barbara Davidson con Valeries and Henry: Unhoused but Unbroken, la storia di due dei 65.000 senzatetto di Los Angeles, dal loro matrimonio all’allontanamento dal parco in cui risiedevano, dalla loro nuova vita in un furgone al ritorno alla vita di strada; il canadese Tim Smith con In The World But Not Of It, in cui ci porta a conoscere gli Hutteriti, un gruppo di Anabattisti pacifisti le cui radici risalgono alla riforma del XVI secolo e la cui cultura è preservata attraverso l’autosufficienza, grazie a uno spontaneo isolamento dalla società; il russo Misha Maslennikov con The Don Steppe, uno spaccato molto realista di quella che è la vita nella steppa russa; infine il francese Thomas Morel-Fort con Donna, a Filipina Life of Sacrifice, in cui cattura le vite dei lavoratori filippini senza documenti impiegati presso le case dei ricchi a Parigi e in Costa Azzurra.

Sarà poi la volta del progetto Almost Europe di Luca Nizzoli Toetti, un lavoro di fotografia documentaria ospitato presso la sede della Banca Centropadana che approfondisce i gesti e i percorsi della quotidianità, che si sviluppa nell’eterogeneo tessuto sociale, culturale e urbano del vecchio continente.

Presso la Questura di Lodi troverà infine spazio la mostra Frammenti di Storia, un percorso che racconta fatti di cronaca drammatici e significativi che hanno fatto la storia d’Italia e del nostro territorio attraverso gli scatti prodotti dalla Polizia Scientifica.

Montanaso, Comune partner ufficiale della XIII edizione, ospiterà la mostra di Jana Mai che si è aggiudicata lo scorso anno la categoria Student del WRA con il lavoro The Descendants Of The Wolves – la storia dei gagauzi, una minoranza turca di fede ortodossa cristiana che vive nell’area meridionale della Repubblica Moldova – gratuitamente per tutti i visitatori. In questo modo il Comune partner offre una proposta culturale di alta qualità ai suoi cittadini composta dai progetti di autori noti a livello internazionale.

Contemporaneamente al Festival si svolgerà FFE – OFF, un circuito di mostre fotografiche, esposte in negozi, bar, ristoranti, gallerie, circoli culturali e aree pubbliche della città. Lo scopo di FFE – OFF è quello di valorizzare e diffondere le opere di chiunque voglia proporre le proprie realizzazioni. Per questo motivo non ci sono vincoli tematici o di genere, in quanto FFE – OFF non è un’estensione del programma principale del Festival della Fotografia Etica.

Il team educational del Festival proporrà le consuete visite guidate per le scolaresche su prenotazione dal lunedì al venerdì per studenti delle scuole primarie, secondarie di primo e secondo grado, accademie e scuole di fotografia.

Un’edizione caratterizzata oltre che per la qualità delle mostre anche per il livello degli incontri, le visite guidate con i fotografi, le letture portfolio, le presentazioni di libri e per le attività educational, che verranno organizzate come di consueto in presenza, ma anche online.

Questa edizione è resa possibile grazie al supporto del Comune di Lodi.

FUJIFILM Italia, sarà presente al Festival in qualità di Award Sponsor del WRA. Con il suo supporto, avvalora e incoraggia il grande impegno che il Festival mette ogni anno in campo per celebrare la fotografia. Quest’anno promuove inoltre, con il coordinamento del team educational del Festival, laboratori di alfabetizzazione per immagini dedicati a bambini e ragazzi, attraverso l’uso delle celebri macchine instax.

Importante è il sostegno a favore dell’ambiente da parte di tre aziende.

Epson, Imaging partner del Festival, continua ad essere al nostro fianco nella sfida tecnologica di portare le immagini all’aperto attraverso la realizzazione di mostre outdoor per una nuova fruizione dell’Immagine fotografica. In una delle sedi espositive indoor, dedicate all’ambiente, l’azienda sostiene inoltre il Festival attraverso la stampa e la proiezione di immagini.

L’Erbolario, al nostro fianco sin dalla prima edizione e molto vicina ai temi legati alla salvaguardia del nostro Pianeta, sostiene uno spazio espositivo che ci pone di fronte alla sfida di garantire alle future generazioni un mondo migliore.

BMW-Carteni impegnata per costruire un nuovo equilibrio, grazie all’impiego di nuove tecnologie per la mobilità e attraverso scelte individuali e imprenditoriali più consapevoli, sostiene uno spazio espositivo che racconta gli effetti del cambiamento climatico, per renderci cittadini più consapevoli e globali.

Tutte le mostre, compresa quella al World Press Photo, saranno accessibili solo se si è in possesso di biglietto giornaliero o abbonamento acquistabili online e in loco. La mostra ai giardini pubblici della città e alla Questura saranno invece gratuite e libere.

Per tutte le informazioni e dettagli visitate il sito del Festival www.festivaldellafotografiaetica.it

Info: www.festivaldellafotografiaetica.it

redazione@oglioponews.it

© Riproduzione riservata
Commenti