Nazionali
I commenti sono chiusiCommenta

Ucraina, Zelensky: “Russia non fa regali, cauti su ritiro da Kherson”

(Adnkronos) – Volodymyr Zelensky ha affermato che il suo Paese sta considerando “con molta attenzione” l’annuncio della Russia che prevede di ritirare le sue truppe dalla città meridionale di Kherson. Il presidente dell’Ucraina ha chiesto ai suoi cittadini di essere cauti, dicendo che il loro nemico non ha distribuito regali e non ha fatto “gesti di buona volontà”. 

L’annunciato ritiro della Russia arriva poche settimane dopo che il presidente Putin ha dichiarato che stava annettendo Kherson e altre tre regioni ucraine, nessuna delle quali era interamente occupata dalle forze russe. Il comandante delle forze russe in Ucraina, il generale Sergei Surovikin, ha descritto la decisione come difficile. Ha detto che le difese sarebbero state consolidate a est, concentrandosi dall’altra parte del fiume Dnipro rispetto a Kherson. 

Gb 

“La capacità della Russia di mantenere le sue forze sulla sponda occidentale del Dnepr è stata messa sotto pressione a causa degli attacchi ucraini sulle rotte di rifornimento russe. Durante la loro ritirata, le forze russe hanno distrutto diversi ponti e probabilmente hanno piazzato mine per rallentare e ritardare l’avanzata delle forze ucraine. È probabile che la perdita della parte occidentale di Kherson impedisca alla Russia di realizzare la sua aspirazione strategica di costruire un ponte terrestre per Odessa”. Così l’intelligence della Gran Bretagna commenta su Twitter. 

Il ministero della Difesa britannico ha sottolineato che, con pochi punti di attraversamento del fiume, le truppe russe sarebbero state vulnerabili. “È probabile che la ritirata durerà diversi giorni con posizioni difensive e fuoco di artiglieria che copriranno le forze”, afferma il rapporto. 

Turchia 

La decisione russa di ritirare i suoi militari da Kherson è positiva, ha commentato il Presidente turco, Recep Tayyip Erdogan, in una conferenza stampa organizzata prima di partire per l’Uzbekistan, rispondendo a una domanda sulle prospettive di avviare negoziati di pace. 

Analisti Usa 

La battaglia per Kherson non è finita, ma le ultime decisioni della Russia puntano a una nuova fase. Lo afferma l’American Institute for the Study of War, secondo cui “le truppe russe sono entrate adesso preferiscono un ritiro organizzato delle truppe invece di cercare di fermare completamente la controffensiva ucraina”. Per gli analisti americani, l’avanzata ucraina nella regione di Kherson, in corso da agosto, si è “probabilmente rivelata vincente e il ritiro della Russia dalla sponda occidentale del Dnepr non è certo una trappola mirata ad attirare le truppe ucraine in una difficile battaglia vicino a Kherson”, come suggeriscono alcune fonti ucraine e occidentali. 

 

© Riproduzione riservata
Commenti

I commenti sono chiusi.