Cronaca
I commenti sono chiusiCommenta

Mazzucchini, a Pomponesco i nonni
celebrano la festa di San Martino

A conclusione dalla bellissima giornata, una merenda a base di castagnaccio ( la famosa “patùna”) e vino novello, sempre nel rispetto delle tradizioni della giornata

Ogni occasione è buona per festeggiare alla Casa di riposo di Pomponesco, Fondazione Mazzucchini! Oggi è toccato a San Martino, partendo dalla bella storia del Santo, di cui solo alcuni ospiti conoscevano il “miracolo del mantello”, raccontata dall’animatrice che ha rapito tutti glia anziani come dei bambini di fronte ad un cantastorie!

Per sorprendere ancora di più gli ospiti, proprio i bambini sono stati protagonisti di una scenetta ricreata apposta prendendo spunto da una tradizione nel Nord Europa: la “processione delle lanterne” che ricorda la fiaccolata in barca che accompagnò il corpo del santo a Tours. Com’era prevedibile, alla vista dei bambini gli anziani sono impazziti di gioia!

A conclusione dalla bellissima giornata, una merenda a base di castagnaccio ( la famosa “patùna”) e vino novello, sempre nel rispetto delle tradizioni della giornata, quando ai loro tempi, per San Martino si festeggiava la fine della vendemmia e s’iniziava a bere proprio questo tipo di vino.

Alla fine, non si sa se per il vino o per l’allegria, si è scatenata l’euforia del canto, con anziani ed operatori intenti ad intonare le canzoni di una volta, ma anche, su suggerimento delle animatrici, la meno nota per loro “San Martino di Fiorello”, che negli anziani ha riportato alla mente le reminiscenze scolastiche della poesia del Carducci.

Insomma, una festa perfettamente riuscita, sempre e comunque nel rispetto delle normative Covid.

redazione@oglioponews.it

© Riproduzione riservata
Commenti

I commenti sono chiusi.