Cronaca
I commenti sono chiusiCommenta

Manutenzione strade, 6 milioni
dalla provincia: c'è anche Viadana

Si parte con il progetto di fattibilità tecnica – economica per il primo lotto di Interventi di manutenzione straordinaria sulle strade di competenza provinciale anno 2023 del costo complessivo di 2.531.759 euro

Sei milioni e mezzo di euro di investimenti per la manutenzione straordinaria delle strade provinciali. Provincia di Mantova ha pronto il piano degli interventi per il 2023 che toccheranno un po’ tutte le zone del territorio virgiliano. Il presidente Carlo Bottani ha firmato in questi giorni i decreti di approvazione dei progetti di fattibilità tecnica ed economica.

L’intera rete stradale gestita dall’ente di Palazzo di Bagno si sviluppa per una lunghezza di circa mille chilometri. Periodicamente è necessario procedere con interventi di manutenzione straordinaria della pavimentazione stradale, dal manto d’usura fino agli strati più profondi, che si deteriora a causa dell’azione del traffico, dell’invecchiamento del materiale e degli agenti atmosferici. A causa di questi fenomeni si formano fessure, buche e avvallamenti che compromettono la sicurezza della circolazione stradale. Gli interventi di manutenzione straordinaria sono necessari per garantire la salvaguardia della pubblica incolumità.

Si parte con il progetto di fattibilità tecnica – economica per il primo lotto di Interventi di manutenzione straordinaria sulle strade di competenza provinciale anno 2023 del costo complessivo di 2.531.759 euro:

  • – SP 59 “Viadanese”
  • – SP ex SS 496 “Virgiliana”
  • – SP 15 “Ceresara – Cavriana – Valeggio”
  • – SP 67 “Marcaria – Acquanegra”

Il progetto è inserito nel programma triennale dei lavori pubblici 2022-2024, all’annualità 2023 ed è finanziato per intero con fondi del Ministero delle infrastrutture e dei traasporti “Finanziamento degli interventi relativi a programmi straordinari della rete viaria di Province e Città Metropolitane”.

L’eventuale ribasso d’asta, a seguito dell’appalto, anche se superiore al 5%, verrà interamente utilizzato per nuovi interventi, oltre a quelli principali previsti in progetto, secondo un elenco di priorità che saranno previste nella successiva fase di stesura del progetto definitivo – esecutivo.

Sì con decreto del Presidente della Provincia, anche al progetto di fattibilità tecnico – economica per la manutenzione straordinaria di reparti stradali finanziati con fondi derivanti dal Decreto 9 maggio 2022 “Ripartizione e utilizzo dei fondi relativi a programmi straordinari di manutenzione straordinaria e adeguamento funzionale e resilienza ai cambiamenti climatici della viabilità stradale, anche con riferimento a varianti di percorso, di competenza di regioni, province e città metropolitane” del costo complessivo di 704.885,57 euro.

Le strade su cui si interverrà sono:

  • – SP 16 “Ceresara – Casaloldo”;
  • – SP 19 “Dei Colli”
  • – SP 21A “Tratto di collegamento tra SP ex SS 236 e SP 21”
  • – SP 50 “Ponte Borgoforte – Gonzaga – Moglia
  • – SP exSS 413 “Romana”
  • – SP exSS 496 “Virgiliana”

Il progetto sarà inserito nel programma triennale dei lavori pubblici 2023-2025, all’annualità 2023.

Un altro pacchetto di interventi di manutenzione straordinaria sarà invece finanziato con fondi derivanti dal DM 123/2020 per un importo complessivo di 2.279.492 euro.

Nel progetto sono inserite le seguenti strade:

  • – SP 7 “Calvatone – Volta mantovana
  • – SP ex SS 62 “Della Cisa”
  • – SP 15 “Ceresara – Cavriana – Valeggio”
  • – SP 50 “Ponte Borgoforte- Gonzaga-Moglia”
  • – SP 56 “Borgoforte- Marcaria”;
  • – SP 34 “Ferrarese”;
  • – SP 36 “Ghisione-Magnacavallo-Sermide”;
  • – SP 33 “Roncoferraro – Ponte S. Benedetto Po”;
  • – SP 30 “Mantova-Roncoferraro- Villimpenta”

Infine via libera al progetto di fattibilità tecnica – economica per interventi di MANUTENZIONE STRAORDINARIA SULLE STRADE DI COMPETENZA PROVINCIALE – ANNO 2023 con sanzioni da autovelox. Nel Decreto “Disposizioni in materia di destinazione dei proventi delle sanzioni a seguito dell’accertamento delle violazioni dei limiti di velocità” viene ribadito che i proventi derivanti da attività di accertamento eseguiti su strade non di proprietà dell’ente locale da cui dipende l’organo accertatore devono essere ripartiti al 50% ciascuno tra l’ente proprietario delle strade e l’ente da cui dipende l’organo accertatore. La Provincia di Mantova, in qualità di Ente proprietario della strada, al fine di disciplinare i rapporti con i Comuni, quali Enti accertatori, aveva comunque ritenuto indispensabile procedere alla stipula di una specifica convenzione che meglio definiva i rispettivi impegni tra Provincia e Comuni stessi, nell’attesa delle istruzioni operative dal Ministero delle infrastrutture e dei trasporti.

A fronte a fronte del versamento da parte dei Comuni pari al 50% dei proventi derivanti dall’accertamento delle violazioni ai limiti massimi di velocità, la Provincia si impegna alla realizzazione degli interventi di messa in sicurezza, di manutenzione e di recupero/ristrutturazione sulle strade provinciali ricadenti prioritariamente all’interno del territorio di ogni singolo comune (consolidamento del corpo stradale, segnaletica orizzontale e verticale, rifacimento pavimentazione, taglio erba in banchina e scarpata, sostituzione barriere di sicurezza, riparazione impianti di illuminazione).

I Comuni di Marcaria, Gazoldo degli Ippoliti, Casalromano, Suzzara, Bagnolo San Vito, Borgo Virgilio, Bozzolo, Canneto sull’Oglio, Borgo Mantovano, Curtatone, Casaloldo, Porto Mantovano, Pegognaga, Roncoferraro, Castiglione delle Stiviere hanno recepito quanto disposto dal decreto ed hanno versato complessivamente 899.861 euro.

“Esprimo soddisfazione – afferma il Consigliere provinciale Delegato alle manutenzioni delle Strade Provinciali Enrico Volpi – consapevole che il lavoro di manutenzione è sempre molto più ingente di quanto in realtà si riesca a fare. Riteniamo che il piano straordinario porti soluzione a numerose situazioni critiche e migliori la condizione generale della rete provinciale. Tutti i fondi disponibili vengono impiegati con prontezza e appropriatezza grazie al lavoro certosino dei tecnici dell’ente e alla loro profonda conoscenza del territorio. La solerzia con la quale la Provincia applica i proventi delle sanzioni dimostra come l’obiettivo unico non sia quello di fare cassa, bensì quello di implementare la sicurezza stradale e ridurre il numero di incidenti”.

redazione@oglioponews.it

© Riproduzione riservata
Commenti

I commenti sono chiusi.