Cronaca
Commenta

Anziano ricoverato: cognata e nipote
gli rubano i soldi dal conto. Condanna

Le accuse erano di furto e di autoriciclaggio

Foto di repertorio

Nipote e cognata di un anziano ricoverato alla Casa di Riposo Busi di Casalmaggiore sono stati condannati dal giudice per l’udienza preliminare Elisa Mombelli: lui, accusato di furto, a 2 anni e 400 euro, pena sospesa, mentre lei, accusata anche di autoriciclaggio, a 2 anni, 4 mesi e 4000 euro di multa. I danni da risarcire sono stati quantificati in 15.000 euro.

Per l’accusa, Giorgio Gargioni e Teresa Marutti avevano approfittato del fatto che Giovanni Gargioni, muratore in pensione, fosse ricoverato al Busi, dove era degente dal 23 dicembre del 2019 in seguito ad un ictus, per impossessarsi, il 13 gennaio del 2020, di 233.400 euro, denaro asportato dal conto corrente dell’anziano e sul quale la Marutti aveva la delega ad operare almeno dal primo dicembre 2019. I due, mediante firma apocrifa di Giovanni, avevano eseguito un bonifico dal conto con causale “donazione-regalia”.

Il 12 giugno del 2020, inoltre, la sola Marutti, mediante la stipula con un istituto assicurativo di due polizze vita dal controvalore di 140.319 euro ciascuna, aveva trasferito il denaro provento di furto in attività speculativa, così da ostacolare l’identificazione della sua provenienza illecita.

Per Giorgio Gargioni, il pm aveva chiesto un anno, 8 mesi e 200 euro, mentre per la cognata, 2 anni e 5000 euro. I due imputati erano difesi dall’avvocato Fabrizio Vappina, mentre parte civile si è costituito il legale Giovanni Bertoletti.

La motivazione della sentenza sarà depositata entro 90 giorni, dopodichè la difesa deciderà se ricorrere in Appello.

Sara Pizzorni

© Riproduzione riservata
Commenti