Cultura
I commenti sono chiusiCommenta

Luca Ponzi e le favole di fiume:
tra folklore, nostalgia e tradizione

Del fiume Po si può parlare in mille modi. Così come lo si può vivere e frequentare. Sabato pomeriggio, presso il Salone dell’Oratorio Maffei a Casalmaggiore, lo scrittore e giornalista emiliano Luca Ponzi lo ha fatto in modo originale presentando il suo libro "Favole di fiume", che sviluppa un racconto coinvolgente attraverso undici storie a metà tra la fantasia e la realtà quotidiana.

In foto Luca Pnzi con Adriana Paolini

Del fiume Po si può parlare in mille modi. Così come lo si può vivere e frequentare. Sabato pomeriggio, presso il Salone dell’Oratorio a Casalmaggiore, lo scrittore e giornalista emiliano Luca Ponzi lo ha fatto in modo originale presentando il suo libro Favole di fiume che sviluppa un racconto coinvolgente attraverso 11 storie a metà tra la fantasia e la realtà quotidiana.

Ponzi è un gionalista di grande mestiere forgiatosi in anni di redazione presso la Gazzetta di Parma e in collaborazioni altrettanto importanti con la Rai e i telegiornali delle emittenti regionali. Servizi molto spesso richiesti dalle edizioni nazionali proprio perché in grado di suscitare interesse e coinvolgimento nei telespettatori.

Ultimo esempio in ordine di tempo la scoperta in un pozzo di Novellara del cadavere di Saman Abbas la ragazza pakistana eliminata perché oppostasi ad un matrimonio combinato. Tantissime altre le storie raccolte da Luca Ponzi e incastrate nel libro che racconta vicende legate alle tradizioni della gente del Po citando le abitudini dei personaggi per esempio inseriti in una monotona ma pittoresca frequentazione del solito bar con il solito mazzo di carte in mano e l’immancabile bicchiere di vino sul tavolo.

La vicenda di un personaggio che si spostava per mezzo di una Apecar a causa della quale ha perso l’uso di un arto dopo un incidente ha portato alla memoria dei presenti un’analoga vicenda con protagonista locale anche lui con un mezzo simile sfiorato da una tragedia in mezzo al ponte sul Po, graziato nel suo caso dall’apparizione della Madonna davanti al muso di un camion che lo stava per travolgere.

Qualcuno tra il pubblico ha sottolineato la perdita di certe consuetudini folcloristiche chiedendosi cosa si possa fare per fermare questa trasformazione culturale e popolare. Allo scrittore, presentato e introdotto da Adriana Paolini, è stato chiesto poi del successo di un libro sulla cosche mafiose con tante edizioni che si sono fermate quando il numero delle querele stava superando quello delle ristampe in corso. Il Po con le sue leggende e le sue favole al centro di un libro interessante pubblicato da Luca Ponzi che alla fine ha partecipato ad un rinfresco a base di pane salame, ceci caldi e lambrusco perfettamente intonato all’atmosfera popolare evocata attraverso le storie scritte nel volume presentato sabato pomeriggio.

Rosario Pisani

© Riproduzione riservata
Commenti

I commenti sono chiusi.