Economia
I commenti sono chiusiCommenta

Bonus, pensioni, fisco, reddito di
cittadinanza: le novità in Manovra

Tra Natale e Capodanno si concluderà la seconda lettura del testo al Senato

Dalle pensioni al reddito di cittadinanza fino allo smart working e al bonus mobili. E poi tutte le norme localistiche come la metropolitana di Milano, le vetrerie di Murano e il Salva Sicilia. Ecco tutte le modifiche approvate dalla commissione Bilancio della Camera alla manovra che l’Aula con il voto di fiducia si appresta a votare. Tra Natale e Capodanno si concluderà la seconda lettura del testo al Senato.

  • PENSIONI – Nel 2023 le pensioni minime saranno di 600 euro per gli over 75. Cambia la norma sulla rivalutazione automatica delle pensioni nel prossimo biennio: sale dall’80 all’85% la rivalutazione per gli assegni tra 4 e 5 volte il minimo (circa 2.600 euro), mentre per le pensioni più alte gli scaglioni vengono rivisti con una riduzione dell’aliquota. L’indicizzazione passa dal 55% al 53% per le pensioni tra 5 a 6 volte il minimo; da 50% a 47% tra 6 e 8 volte il minimo, da 40% a 37% da 8 a 10 volte il minimo e da 35% a 32% negli assegni oltre dieci volte il minimo. Resta il divieto per la Pubblica amministrazione di conferire incarichi remunerati ai pensionati.
  • POS – Salta la misura che consentiva a commercianti e professionisti di rifiutare i pagamenti con carta e bancomat sotto i 60 euro. Tornano quindi le multe per chi non consente l’uso dei Pos ai clienti. Per mitigare i costi delle transazioni elettroniche fino a 30 euro a carico degli esercenti arriva un tavolo permanente tra le categorie interessate. Senza costi equi e trasparenti scatterà un contributo di solidarietà delle banche per contenere le commissioni.
  • REDDITO CITTADINANZA – Gli occupabili percepiranno l’assegno nel 2023 solo per 7 mensilità. Inoltre, la quota del reddito di cittadinanza prevista per l’alloggio, in caso di abitazione in affitto, sarà erogata direttamente al locatore dell’immobile. In più, per i percettori del sussidio di età compresa tra 18 e 29 anni che non hanno terminato la scuola dell’obbligo l’erogazione del contributo è condizionata all’iscrizione e alla frequenza di percorsi di formazione, o comunque funzionali all’adempimento dell’obbligo scolastico.
  • SMART WORKING – I lavoratori fragili potranno lavorare in smart working, sia nel pubblico che nel privato, fino al 31 marzo, anche esercitando un’altra mansione. Termina il 31 dicembre, invece, il lavoro agile per i dipendenti con figli under 14.
  • BONUS MOBILI – Il bonus mobili sale a 8 mila euro, rispetto ai 5 mila previsti, ma comunque non raggiunge i 10 mila di quest’anno. L’agevolazione vale per gli anni 2023 e 2024 sia per l’acquisto di mobili sia per gli elettrodomestici green in caso di interventi di ristrutturazione della casa.
  • CARTELLE – Slitta di due mesi, dal 31 gennaio al 31 marzo, lo stralcio automatico delle cartelle fino a mille euro relative al periodo 2000-2015. Escluse le multe stradali e i mancati pagamenti Imu: la cancellazione per loro si applicherà solo agli interessi. I sindaci potranno comunque decidere di non applicare la norma.
  • 18 APP – Cambia il bonus cultura per i diciottenni e potrà raggiungere i mille euro. Il nuovo meccanismo combina due criteri: il tetto Isee fino a 35 mila euro e il voto massimo alla maturità. Chi rispetta almeno uno dei due requisiti riceverà 500 euro, il bonus raddoppierà per chi li soddisfa entrambi.
  • BONUS PSICOLOGO – Il bonus psicologo diventa permanente e sale da 600 a 1.500 euro. Confermato il tetto Isee a 50.000 euro per ricevere il contributo.
  • BANCHE – Arriva il tetto agli stipendi dei manager delle banche salvate con l’intervento dello Stato. Il trattamento non potrà superare quello del primo presidente della Corte di Cassazione, fissato in 240 mila euro annui.
  • MUTUI – Sui mutui ipotecari in origine non superiori a 200 mila euro, chi ha un’Isee inferiore ai 35 mila euro potrà passare dal tasso variabile al fisso.
  • SUPERBONUS – Per i condomini arriva la proroga fino al 31 dicembre 2022 dei termini per presentare la Comunicazione di inizio lavori asseverata (Cilas) per poter beneficiare del superbonus al 110%. I lavori devono risultare approvati entro il 18 novembre.
  • CONGEDO AI PAPA’ – Un mese di congedo parentale fino ai sei anni del bambino sarà dell’80% (invece del 30%) e potrà essere usato anche dai papà.
  • INTERCETTAZIONI – Cambiano le regole per le intercettazioni legate all’attività di intelligence, si potranno fare per 40 giorni. I dati acquisiti verranno distrutti entro sei mesi, ma il procuratore generale della Corte d’Appello di Roma potrà autorizzarne la conservazione al massimo per 24 mesi. Le spese non saranno più coperte dal ministero della Giustizia ma dal Mef.
  • SALVA CALCIO – Le società sportive potranno pagare in 60 rate, con la maggiorazione del 3%, i versamenti sospesi per il Covid e in scadenza il 22 dicembre. I versamenti dovuti ammontano complessivamente a 889 milioni di euro, di cui circa 500 milioni di euro riguardano i club calcistici della Serie A.
  • EXTRAPROFITTI – L’imposta sugli extraprofitti delle aziende energetiche sarà applicata alle società con almeno il 75% dei ricavi derivante dalle attività di produzione e vendita di energia elettrica, gas e prodotti petroliferi.
  • FISCO – Istituito il tasso del 2% per le rate di chi aderisce al ravvedimento speciale delle violazioni tributarie previsto dalla manovra.
  • IVA – L’Iva sul teleriscaldamento scende al 5% mentre quella sul pellet al 10%.
  • ENTRATE-SOGEI – L’Agenzia delle entrate-Riscossione entro la fine del 2023 trasferisce la gestione dei sistemi informatici per i servizi di riscossione a Sogei, la società informatica del ministero dell’Economia.
  • ASSUNZIONI SANITA’ – Gli enti del Sistema sanitario nazionale potranno assumere a tempo indeterminato, entro il 31 dicembre 2024 anziché entro la fine del 2023, tutti i professionisti che abbiano maturato 18 mesi di servizio nella sanità pubblica entro il 31 dicembre 2023, di cui almeno 6 durante l’emergenza.
  • 16 OTTOBRE DEL ’43 – Fondi per le celebrazioni dell’ottantesimo anniversario del rallestramento degli ebrei del ghetto di Roma. Si tratta di 700 mila euro in favore di Roma Capitale per il 2023 con il coinvolgimento delle organizzazioni dell’ebraismo romano.
  • VIOLENZA DONNE – Aumentano in modo strutturale le risorse per il fondo contro la violenza delle donne. Ci sono 4 milioni di euro in più per il 2023 e di 6 milioni a partire dal 2024.
  • PROFESSIONISTE – Stop alle scadenze tributarie per le libere professioniste nel caso in cui si verifichi una malattia grave, un infortunio ai figli minorenni, nonché in caso di parto o interruzione della gravidanza oltre il terzo mese.
  • TAVOLINI LIBERI – I tavolini e i dehor all’aperto di bar e ristoranti saranno liberi fino al 30 giugno 2023, senza problemi di occupazione del suolo pubblico.
  • CASE GREEN – Detrazione del 50% sull’Iva per l’acquisto di abitazioni in classe energetica A e B.
  • LINCEI – L’Accademia dei Lincei non dovrà più pagare l’Imu, neanche sugli immobili non direttamente utilizzati per le sue finalità istituzionali.
  • CINGHIALI – Via libera all’abbattimento di fauna selvatica per motivi di sicurezza stradale anche in aree protette e in città.
  • VITTIME AMIANTO – Aumentano i fondi per le vittime dell’amianto. Il contributo erogato dall’Inail ai malati di mesotelioma o ai loro eredi salirà da 10 mila a 15 mila euro a decorrere dal 2023.
  • VOUCHER – I voucher per le attività lavorative occasionali sono estesi anche a discoteche, sale da ballo e night club.
  • LAVORATORI SPETTACOLO – Arriva l’indennità di discontinuità per i lavoratori del settore dello spettacolo.

Agenzia DIRE

© Riproduzione riservata
Commenti

I commenti sono chiusi.