Cronaca
Commenta

Gianluca Vialli con i bambini di
Berceto in una foto di 40 anni fa

Vialli, che si laureò capocantiere della squadra con 10 reti, passò poi alla Sampdoria. Nella foto, ripescata dal sindaco di Berceto Luigi Lucchi, una immagine di allora che ritrae Vialli insieme ai bambini di Berceto

Tra i tanti ricordi che, in questi giorni, stanno accompagnando il doloroso saluto a quel grande campione e grande uomo che è stato e continua ad essere (perché ciò che in terra si lascia durante il nostro passaggio non muore mai) Gianluca Vialli ne emerge uno, di quarant’anni fa, che arriva direttamente dai colli parmense. Era il 1983 e la Cremonese svolse il suo ritiro precampionato a Berceto (paese di cui è originario l’allenatore del Milan Stefano Pioli ed in cui vivono i suoi familiari), alloggiata all’Albergo Poggio. Di quella squadra faceva parte anche Gianluca Vialli che, grazie anche alla sua consueta disponibilità, non solo posò con i bambini di Berceto ma colse anche l’occasione per offrire loro qualche lezione di calcio, tra sorrisi e simpatiche pacche sulle spalle. Da evidenziare che quell’anno, la Cremonese, in serie B, allenata dall’indimenticato Emiliano Mondonico (di cui proprio quest’anno ricorrono i cinque anni della morte) arrivò terza, con 45 punti, alle spalle di Como e Atalanta e venne promossa in serie A. Presidente, all’epoca, era l’indimenticato Domenico Luzzara. Vialli, che si laureò capocantiere della squadra con 10 reti, passò poi alla Sampdoria. Nella foto, ripescata dal sindaco di Berceto Luigi Lucchi, una immagine di allora che ritrae Vialli insieme ai bambini di Berceto.

Eremita del Po, Paolo Panni

© Riproduzione riservata
Commenti