Commenta

Palio di Casalmaggiore: corsa,
promozione turistica e
messaggio politico e sociale

"In realtà è ancora più grande lo spirito di questa manifestazione: pensiamo che è la prima volta che si attraversa il Parco di via Trento, polmone della cittadina ultimamente al centro di attenzioni non proprio ecologiste".
14468709_975655489227769_7078196612283687510_o

CASALMAGGIORE – Sarà una gara spettacolare e assolutamente unica, a metà tra lo sport e la promozione turistico/culturale. Perché se a tracciare il percorso é Andrea Visioli, non c’é alcun dubbio che il tracciato sia ciò che di più interessante si possa trovare (e provare) per gli amanti della corsa. Tutto pronto per il Palio di Casalmaggiore, che domenica mattina colorerà la città.

“Ritrovo dalle ore 8 – spiega Andrea Visioli – presso la Pro-Loco, partenza ore 9 della gara dei bimbi con 1000mt ritagliati ad hoc per loro: al termine della loro fatica una medaglia direttamente dalle mani dell’Olimpionico di Rio Fausto Desalu in tuta Italia. Alle 9.15 poi il colpo di postola del sindaco Filippo Bongiovanni che darà lo start alla gara degli adulti. 1 giro da 4800mt tutto d’un fiato per le donne; 2 giri per un totale di 9600mt per gli uomini agonisti. Coloro che si cimenteranno nella camminata non competitiva avranno da percorrere 1 o 2 giri a piacimento”.

Abbiamo detto della spettacolarità. I passaggi in palazzi storici e scorci suggestivi della città saranno il fiore all’occhiello della manifestazione podistica. Ma non saranno le uniche particolarità. Perché per Visioli anche una manifestazione podistica (soprattutto una manifestazione podistica) è una maniera per lanciare messaggi. Alla politica e più in generale a tutta la città: “La via è aperta, il Palio è tracciato. Da oggi – prosegue – frecce direzionali adesive sono apparse nelle vie del centro storico, nei viottoli, negli anfratti di una cittadina che si appresta ad ospitare una Manifestazione che ne disgelerà bellezze nascoste alla luce del sole. Il tracciato del Palio è stato studiato e voluto per toccare i più bei palazzi e scorci in cui tatticamente fosse possibile far transitare atleti, camminatori e curiosi”.

Un omaggio doveroso e bello agli ospiti della Casa di Riposo Conte Carlo Busi: “Saranno gli ospiti della Fondazione Busi i più grandi tifosi, quando gli atleti attraverseranno gli spazi del geriatrico corrispondendo con un saluto la “curva dei nonni”. Lo sport è anche questo, portare un sorriso dove mai prima si era pensato di passare. Lo dovevo a Romano che è ospite del Busi – svela Andrea Visioli – glielo avevo promesso l’anno scorso in una battuta; è stato Romano a portarmi alle prime gare su strada dove ho vinto tanto. Era lui il mio primo tifoso”.

Poi la politica: lo aveva promesso, ed ha mantenuto la promessa. Un passaggio in via Trento per dire no allo sventramento del polmone verde della città previsto dal nuovo PUT con il taglio di numerose piante in cambio della promessa di ripiantumarne altrettante. “In realtà è ancora più grande lo spirito di questa manifestazione: pensiamo che è la prima volta che si attraversa il Parco di via Trento, polmone della cittadina ultimamente al centro di attenzioni non proprio ecologiste. Non mancherà il tratto arginale puro, controcorrente con lo scorcio del complesso di San Rocco. Il giardino della famiglia Sartori vivrà il momento scenograficamente più interessante sotto l’aspetto fotografico: il passaggio è stato immaginato per consentire un servizio fotografico ai concorrenti in grandangolo con il Torrione estense che fa da sfondo; un angolo rarissimo per visuale. Incredibili poi le prospettive di Palazzo Melzi (famiglia Daina) e Palazzo Porcelli (Chiara Mina), quest’ultimo assoluta novità ad occhi pubblici. Siamo particolarmente felici della sensibilità dimostrata da pubblico e privato nello sforzo congiunto per promuovere la nostra cittadina rivierasca. E’ effettivamente la più imponente manifestazione mai organizzata prima in Città in termini di Sforzo logistico collegiale e condiviso tra Pubblico, Privati, Associazioni, Enti, Fondazioni e Volontari. Per garantire la sicurezza ai migliori atleti che sfrecceranno a più di 20km/h tra curve, bivi e cambi di direzione si sono movimentati Vigili, GEV, Protezione Civile, Ass. Carabinieri in congedo, volontari dell’associazione Amici di Casalmaggiore”.

Top Runner: Oltre all’olimpionico Fausto Desalu confermata la presenza di Mauro Cattaneo, la freccia di Cremona e dell’architetto Rossella Poli casalese docg. Starter ufficiale il sindaco Filippo Bongiovanni. Appuntamento dunque domani in piazza Garibaldi. Ci sarà sicuramente da divertirsi.

Nazzareno Condina

© Riproduzione riservata
Commenti