Commenta

Caso don Mantia
Gozzi: “No giudizi
troppo affrettati”

don-martignana

Il sindaco di Martignana di Po Alessandro Gozzi ha vissuto nelle ultime ore due situazioni molto turbolente: prima la sconfitta al Consiglio di Stato sulla restituzione dei fondi dopo l’alluvione del 2000, poi il patteggiamento di don Luigi Mantia, ex parroco della comunità del piccolo comune casalasco. Il primo cittadino, su nostra imbeccata, esprime il suo parere sulla vicenda che ha coinvolto il sacerdote. “L’unica buona notizia di tutta questa vicenda” precisa Gozzi “è che è finita, finalmente. Gli auguri vanno a tutte le parti coinvolte, perché il futuro sia sereno per tutti”.

Gozzi non vuole sentire parlare di ammissione di colpevolezza. “Patteggiare non significa ammettere alcunché. La materia era molto delicata, quando si ha a che fare con minori, la legge è giustamente più severa. Sono certo che il consiglio del patteggiamento (due anni, pena sospesa, ndr) è arrivato dai legali di don Luigi, che comunque a tempo debito ha promesso di spiegare meglio le proprie ragioni. Al momento non voglio e non posso giudicare. Ma pregherei anche altri di non esprimere pareri troppo netti, perché la verità è tutta da accertare”.

Certo è che il fatto ha scosso la comunità di Martignana. “Certamente, siamo sgomenti. Per questo, ripeto, l’unica buona notizia di questa storia è che l’iter è finalmente concluso”.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

© Riproduzione riservata
Commenti