Commenta

Orienteering, ai Nazionali sarà forte
l’accento casalasco

carrega_visioli-devicenzi

Un evento di carattere nazionale, che occuperà le pagine della Gazzetta dello Sport e le riprese di Rai Sport 1 (45 minuti saranno trasmessi in differita), dal forte accento casalasco: parliamo dei Campionati Nazionali di Orienteering, previsti tra il 19 e il 21 aprile ai Boschi di Carrega, nel parmense. Ottocento partecipanti iscritti e una tre giorni che andrà oltre il semplice evento sportivo, come vedremo.

La particolarità tutta nostrana di questa competizione è legata ai nomi degli organizzatori, e non solo: per cominciare, il primo iscritto degli 800 e dunque l’orientista che gareggerà con il pettorale numero 1 ai Nazionali sarà Andrea Devicenzi, atleta di Martignana di Po noto alle cronache per le sue grandi imprese nonostante le ovvie difficoltà fisiche derivanti dall’amputazione subita quando ancora era minorenne. Andrea ha deciso di partecipare a questa gara che non prevede differenze di percorso o facilitazioni tra normodotati e disabili e proverà a strappare una nuova impresa, dopo avere trionfato in tante competizioni ed essere divenuto nazionale di paratriathlon.

L’altro nome pesante, nonché deus ex machina dell’organizzazione dell’evento, è quello di Andrea Visioli, dirigente del Cus Parma e soprattutto della Fiso, che prima si è battuto per avere proprio nel territorio parmense, dunque a pochi chilometri da Casalmaggiore, un evento di grande portata sportiva e di sicuro risalto, poi si è speso per l’organizzazione.

Proprio Visioli illustra la tre giorni di sport che attende gli 800 atleti ai Boschi di Carrega. “Il 19, venerdì, sono in programma i Giochi Sportivi Studenteschi, mentre al pomeriggio si terrà la conferenza ufficiale dell’evento, con la partecipazione della Rewoolution, main sponsor del Rewoolution Raid (che proprio Visioli ha vinto lo scorso autunno, ndr). Sabato 20 partiranno le qualifiche, mentre al pomeriggio sarà organizzato il più importante seminario in materia di orienteering del 2013, con la partecipazione dei membri della Iof, International Orienteering Federation. Sabato sera invece spazio al concerto di onore di Giuseppe Verdi, del quale ricorre proprio nel 2013 il Bicentenario dalla nascita. Tengo a precisare che tutti questi eventi saranno gratuiti. Domenica 21 sarà il giorno delle finali”.

Sport e cultura, insomma. Ma anche buona cucina: a tutti i partecipanti verrà offerta la torta fritta, altro mangiare tipico della Bassa e della zona di Parma in particolare.

Ma non è tutto: la sabbionetana Stella Varotti sarà segretaria della gara, addetta ufficiale all’inserimento dati degli atleti in gara, mentre Alberto Grilli e il casalese Corrado Arduini saranno addetti alla posa delle lanterne, ossia dei punti chiavi di una normale gara di orienteering. Infine Remo Madella avrà un ruolo chiave nel disegno delle cartina: Madella, nello specifico, non è originario di Casalmaggiore, ma ha mappato proprio il comune casalese lo scorso anno e dunque vanta comunque un legame con il nostro territorio.

Un evento decisamente da non perdere: prima di persona, poi su Rai Sport e sulla Gazzetta dello Sport, che narreranno l’evento sul piccolo schermo e sulla carta stampata.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

© Riproduzione riservata
Commenti