Commenta

Crisi Pd-Penazzi,
interviene Frijio (Sel)
“Meglio le urne”

frijio-sel_ev

Un dibattito accesissimo che coinvolge più parti politiche. Anche Sel, tramite il candidato Giovanni Frijio, in corsa per la Camera, interviene nella querelle legata alla crisi di maggioranza del comune di Viadana. Dopo le uscite del Partito Democratico, dei Giovani Democratici e della Lista Civica Portanuova, Sinistra Ecologia e Libertà affida dunque il proprio pensiero all’esponente di spicco viadanese.

“L’attuale situazione della vita democratica a Viadana” spiega Frijio, ricostruendo anche alcune peculiarità storiche della politica viadanese “è conseguenza di una più che decennale politica basata sul potere di pochi che hanno preteso (per troppo tempo) di decidere tutto e per tutti, pretendendo di mettere a tacere chiunque avesse opinioni diverse”.

Per Frijio insomma è stato costruito “un verticismo autoritario che a lungo andare non poteva non implodere, trascinandosi dietro tutte le negatività per avere eliminato risorse umane e competenze politiche, per avere promosso e sostenuto ignoranza politica, tollerando autoritarismi, scendendo a compromessi forzati in funzione di calcoli elettorali fatti per il mantenimento del potere”.

Il candidato di Sel poi specifica.  “Questa non vuole essere una critica strumentale della situazione che si è venuta a creare, vuole invece essere un invito alle forze democratiche di centro sinistra per avviare un nuovo progetto democratico amministrativo. Le ultime vicende a Viadana come a livello nazionale evidenziano tale necessità. Basta con i veti verso chi esprime opinione diverse del segretario di partito e/o gruppo dirigente dominante, basta con le trovate machiavelliche,  tutto ciò non aiuta il paese a crescere. Riteniamo che  a Viadana  questa esperienza politica amministrativa si possa considerare conclusa nei termini e nelle condizioni in cui si trova ora, sarà possibile recuperarla solo attraverso lo strumento democratico delle elezioni”.

Insomma un invito forte a tornare alle urne. “Naturalmente è il  Pd (che Sel, ricordiamo, sostiene in campagna elettorale a livello nazionale, ndr) che deve valutare se vi sono ancora le condizioni per garantire una buona ed efficace amministrazione per il bene comune a Viadana. Noi di SEL siamo disponibili a partecipare ad un nuovo progetto che coinvolga le forze politiche democratiche di centro sinistra sulla base di un programma discusso democraticamente e poi portato avanti da quelle forze politiche che condividono la sintesi”.

Un’offerta di aiuto o una candidatura in vista di un prossimo mandato? Una cosa è certa, giorno dopo giorno la crisi di maggioranza sembra sempre più lontana dal compattarsi.

 

© RIPRODUZIONE RISERVATA

© Riproduzione riservata
Commenti