Commenta

Gronda Nord, il secondo
lotto passa lunedì
dal consiglio comunale

opere_ev

Il punto più interessante del prossimo consiglio comunale di Casalmaggiore, convocato per lunedì prossimo alle ore 21, riguarda da vicino il secondo lotto della Gronda Nord.

Ovvero la “frazione” della tangenziale che dovrà connettersi alla Tibre che interessa, oltre a Casalmaggiore, anche il comune di Viadana, dunque tocca da vicino le due province di Cremona e Mantova. E’ l’assessore ai Lavori Pubblici Tiziano Ronda a spiegare si cosa di discuterà in consiglio lunedì prossimo. “Il comune di Casalmaggiore dovrà cedere alcune aree e acquisirne altre, in soldoni possiamo riassumere così la faccenda. E’ un passaggio di competenza del consiglio, senza il quale i lavori, di fatto, non potrebbero partire”.

Il fatto che la seduta sia stata convocata quasi ad hoc e peraltro a breve distanza dall’ultimo consiglio comunale, che si è tenuto sabato 9 marzo, fa pensare che i lavori possano davvero partire a breve e che i problemi legati al presunto rifiuto della ditta che ha vinto la gara d’appalto siano stati superati.

“Parliamo” precisa Ronda “di un’opera che doveva partire già in dicembre. Ora speriamo che i tempi siano maturi. Il comune di Casalmaggiore ha svolto il suo compito dal punto di vista economico, accendendo un mutuo di 500mila euro per finanziare il tratto della Gronda Nord che compete al nostro ente, e adesso è chiamato a completare l’opera: dovremo cedere alcune aree di nostra proprietà nella frazione Quattrocase e tutte queste diverranno di competenza provinciale. Dopo di che alcune proprietà agricole, proprio per non restare isolate dalla costruzione della Gronda, andranno collegate alla stessa mediante strade di raccordo e di collegamento. Queste strade collaterali saranno date in proprietà al comune di Casalmaggiore. Dopo avere votato questa risoluzione, ci sarà, di fatto, il via libera da parte della nostra amministrazione alla grande opera”.

Collegata, come noto, alla Tibre e che, in teoria, dovrebbe alleggerire non poco il traffico interno cittadino, in particolare dei mezzi pesanti. Il primo lotto arriva fino a Quattrocase; il secondo collegherà Quattrocase a Viadana, dopo di che il terzo lotto sarà esclusivamente di competenza mantovana, dato che a quel punto la Gronda Nord uscirebbe dai confini cremonesi.

Lunedì, insomma, una delle grandi opere più attese dal territorio – nonché osteggiata dagli ambientalisti – potrebbe incastrare un ulteriore tassello.

Giovanni Gardani

 

© RIPRODUZIONE RISERVATA

© Riproduzione riservata
Commenti