Commenta

Calcio Oglio Po, oggi
match clou in Baslenga
e a San Giovanni

calcio_ev

Domenica con due big match e altre sfide interessanti, quella odierna. Di sicuro interesse è la sfida che, in Baslenga, attende la Casalese: i biancocelesti di Agazzi ospitano il Fabbrico, squadra che al momento è penultima e dunque sarebbe direttamente retrocessa in Prima (in Promozione emiliana retrocedono le ultime due, poi playout tra le quattro che precedono). All’andata la Casalese vinse bene, dando il via a una clamorosa rimonta. Ora che i maggiorini arrivano dal potente 4-1 di Traversetolo (mercoledì sera, mentre il Fabbrico pareggiava con la Borgonovese) la chance di staccare la zona rossissima è reale: vincere significa andare a +7 e soprattutto coltivare più di una speranza di salvezza diretta.

Trasferta dura, sempre in Emilia ma in Prima, per il Viadana: la squadra di Boni va a Cittadella in casa di un top team del girone, che da anni cerca il salto e chiude comunque costantemente sul podio. Considerando che fuori casa i canarini devono ancora vincere (hanno mancato la grande chance in casa dell’ultima, quando vincevano 2-0), l’impresa si presenta disperata. Fortuna che la salvezza è comunque vicina, anche se, non avendo nulla da perdere, il Viadana può almeno provare la sorpresa, con Longo e Chinello al rientro.

Prima lombarda durissima: il Pomponesco, dopo il doppio 2-1 con Don Bosco e Roverbellese che ha ridato fiato alle speranze di salvezza diretta, va nella tana del Sarginesco capolista. Anche qui, basta la classifica per capire la difficoltà intrinseca della sfida. Ma i blues hanno abituato a grandi imprese proprio con le big (non ultimi i due pareggi contro Leoncelli e Sported, seconda e terza del girone). Con Muto che arriva da quattro gol in due partite, mai dire mai.

Scendiamo in Seconda categoria: l’altro match clou di giornata è Psg-Sesto 2010. Si affrontano seconda e terza della graduatoria, dietro al Pescarolo che ormai vede la promozione in Prima. Match di spessore, con i blaugrana che possono sfruttare due risultati su tre. Ma se il pareggio consentirebbe semplicemente di lasciarsi alle spalle (a 5 punti) la più agguerrita inseguitrice, una vittoria darebbe il +8, e ricordiamo che oltre i 9 punti non si giocano i playoff di girone. Missione diversa per Martelli e Gussola: i giallorossi in casa di un Somaglia in gran forma (era ultimo e disperato due mesi fa, ora spera nella salvezza senza playout) devono accorciare proprio dai blaugrana per poter giocare i playoff; i biancorossi devono ripartire dopo tre ko di fila in casa contro lo Spinadesco, formazione che cerca un posto al sole nell’alta classifica. Per il team di Cappelli vincere significa ipotecare, finalmente, la salvezza diretta.

Turno facile, sulla carta, per San Matteo e Dosolo in Seconda mantovana. Il rischio è che sia troppo tardi per entrambe. Il Dosolo può finalmente tornare al successo, dopo quasi tre mesi, in casa del Rodigo ultimo in classifica. Dopo i tanti pareggi però il team del subentrato Araldi ha salutato forse definitivamente i playoff. Il San Matteo, invece, gioca in casa di un Monzambano che, proprio sul campo amico (spelacchiato e spesso al limite della praticabilità), spreme molti punti. Vincere significa mettere pressione alla zona playoff, persa per il sorpasso dei Santi domenica scorsa e soprattutto a rischio per i tanti punti che, ad oggi, separano i viadanesi dal Cerlongo.

Terza categoria monca: il Rivarolo riposa, e così deve “accontentarsi” di gufare Serenissima. La seconda della classe ha 4 punti in meno del team di Stanga, ma deve recuperare due gare. La prima è oggi, in casa di una Voltesi che, generalmente, si esalta tra le mura amiche. Stiamo a vedere. La Cannetese, invece, deve evitare distrazioni: il team di Pandolfo ha buttato punti contro le ultime della classe e poi ha fermato la capolista Rivarolo nel derby. Oggi contro l’Iveco Suzzara penultima sarà dunque una bella prova di maturità.

Giovanni Gardani

© RIPRODUZIONE RISERVATA

 

 

 

 

© Riproduzione riservata
Commenti