Commenta

Viadana, un Viaggio
della Memoria che
durerà per sempre

cimiter-viadana-ev

Nella foto, Longari, Federici, Penazzi e gli scatti che verranno esposti in municipio

Una memoria che non durerà solo un viaggio ma si perpetuerà per sempre. Questo in sostanza il significato di una scelta presa dagli studenti delle scuole superiori di Viadana colpiti dallo scorso viaggio ad Auschwitz al punto dal decidere di prendersi cura del piccolo cimitero ebraico che sorge in via Paralupa a Viadana.

I ragazzi hanno fatto stampare le straordinarie foto del campo di concentramento realizzate durante il viaggio. Immagini talmente belle e suggestive, non solo dal punto di vista storico ma anche cromatico che l’amministrazione comunale ha deciso di esporle nell’atrio del Palazzo Comunale.

Grande la soddisfazione dell’insegnante Paola Longari che insieme alla preside e ad altri colleghi ha potuto organizzare il Viaggio della Memoria della primavera scorsa. Un evento che ha colpito ed emozionato gli studenti al punto che al loro ritorno hanno deciso di prendersi cura del piccolo ma importante cimitero ebraico di Viadana.

Con l’avvallo della Comunità Israelitica di Mantova e il sostegno del sindaco Giorgio Penazzi, del vice Dario Anzola e dell’assessore Nicola Federici il cimitero verrà sottoposto a completo restauro, con i ragazzi che si sono presi cura di togliere le erbacce e ripulire le lapidi ancora visibili.

Per conto sua la ditta Salf di Viadana ha messo a disposizione il materiale e la mano d’opera per l’installazione di un adeguato cancello dietro cui riposeranno per sempre le spoglie di coloro che sono morti conservando la dignità della propria razza e religione.

Rosario Pisani

© RIPRODUZIONE RISERVATA

 

© Riproduzione riservata
Commenti