Commenta

Lo scudetto Allievi
parla casalese con
Ghizzardi (e pure Cerri)

campioni-italia_ev

Nella foto Ghizzardi e Cerri. In mezzo la foto della medaglia postata da Ghizzardi sul suo profilo facebook

Con Filippo Ghizzardi, lo scudetto degli Allievi Nazionali del Parma parla anche casalese. La formazione gialloblu è tornato sul tetto d’Italia dopo il primo alloro del 2004, quello conquistato dagli allora campioncini in erba Giuseppe e Marco Rossi, Daniele Dessena e Arturo Lupoli (altro casalese doc).

Gli Allievi Nazionali del Parma a Montepulciano hanno superato 2-1 mercoledì pomeriggio l’Empoli nella finalissima: in questa partita Filippo Ghizzardi, l’azzurro under 16 di Casalmaggiore (classe 1997), è finito in tribuna, ma può comunque dire di essersi meritato in pieno l’appellativo di campione d’Italia. Questo perché Filippo ha fatto parte della rosa convocata dal mister gialloblu Cristiano Lucarelli (ex bomber di Livorno, Parma, Shakhtar Donetsk e Napoli), pur avendo un anno in meno rispetto a tutti gli altri compagni: Ghizzardi, infatti, è il terzino titolare degli Allievi Regionali Pro, ma spesso viene chiamato, proprio per le sue qualità nel team più “anziano” di un anno.

Ghizzardi, nella fase finale, ha giocato da titolare una partita, la prima, persa per una singolare coincidenza contro l’Empoli, battuto però dal Parma quando non si poteva più sbagliare, in finale, in un match trasmesso in diretta da Rai Sport. Il nome di Ghizzardi entra dunque nella storia del club, al pari di quello dell’altro casalese Arturo Lupoli. A dare la notizia del successo lo stesso Ghizzardi, che su Facebook ha condiviso la sua gioia con gli amici, postando la foto della medaglia che qui riprendiamo.

Un altro casalese “acquisito” è stato addirittura protagonista della cavalcata del Parma di Lucarelli: Alberto Cerri, classe 1996, è residente a Sissa, ma è figlio di Davide Cerri, che negli anni ’90 divertì Casalmaggiore e la Baslenga con la maglia della Casalese. Alberto, del quale ormai parlano tutti i principali media nazionali, oltre ad essere il bomber della Nazionale Italiana under 17 di Daniele Zoratto vice campione d’Europa (ha perso in finale contro la Russia ai rigori), è stato il vero trascinatore degli Allievi Nazionali del Parma: si pensi che in semifinale contro la Juventus Cerri ha siglato tre gol e firmato l’assist del 4-3 conclusivo (ai supplementari) che ha steso i bianconeri.

In questa gara Cerri è stato espulso ingiustamente a fine match: gli stessi dirigenti bianconeri (Gianluca Pessotto in primis) hanno scagionato il ragazzo di Sissa, ma l’arbitro Boggi (figlio d’arte) non ha voluto sentire ragioni. Poco male: Cerri ha saltato la finale, ma può dire di avere messo la firma eccome sulla conquista del trofeo. Come Ghizzardi. Come una piccola grande fetta della Casalmaggiore sportiva, che prosegue, anche con il calcio, il suo momento magico vissuto grazie ad atletica, canottaggio, volley e paratriathlon.

Giovanni Gardani

© RIPRODUZIONE RISERVATA

 

© Riproduzione riservata
Commenti