Commenta

Palvareta, incentivi
turistici e giovani
di zona come guide

sangio_ev

Nella foto Asinari, Annibaletti e Cavalli durante la conferenza

Un finanziamento finalizzato a promuovere il territorio. Detto così, sembrerebbe solo una delle (riuscite e meritevoli) operazioni per agganciare denaro per la produzione di  materiale informativo, che spesso non produce l’effetto sperato e col tempo svanisce del tutto. A San Giovanni in Croce quello presentato stamattina in conferenza stampa dal sindaco Pierguido Asinari è un progetto che di per sé ha un valore aggiunto: i fondi serviranno sia per promuovere il territorio ma soprattutto per preparare ragazzi del posto che siano in grado di accogliere degnamente il turista e di accompagnarlo a scoprire i tesori sinora in gran parte nascosti. Ragazzi che, a progetto ultimato, avranno comunque immagazzinato le conoscenze per farne guide turistiche preparate, ideali divulgatori delle bellezze della nostra terra.

Il progetto prende il nome “I tesori di Cecilia”, dove Cecilia è ovviamente la Gallerani di vinciana memoria, che sta diventando una sorta di passepartout, e si avvia ad essere davvero il simbolo di questo lembo di terra tra Oglio e Po.

“Abbiamo avuto comunicazione di un finanziamento molto importante per noi”: esordisce così Asinari, che poi presenta Giuliano Annibaletti, presidente della cooperativa Charta di Mantova (destinataria dei fondi) e la dottoressa Lara Cavalli, consulente del Comune.  “Il fulcro del progetto – prosegue il sindaco – è Villa Medici del Vascello, ma riguarda tutto il territorio dell’unione di comuni Palvareta Nova. Vantiamo beni di enorme potenziale sinora non sfruttato, e con questo bando puntiamo a dare nuovo impulso al settore turistico-culturale, aumentare la ricettività e lavorare sulla formazione di professionalità per avere guide turistiche”.

Il costo del progetto è di 40mila euro, la metà garantita dalla Fondazione Comunitaria della Provincia di Cremona (per questo Asinari ringrazia il suo presidente Renzo Rebecchi e la segretaria Maria Luisa Vespertini), la metà a carico del Comune di San Giovanni. Quanto alla cooperativa Charta, da anni collabora col comune. Sempre Asinari: “Abbiamo un buon rapporto, ha persone serie e qualificate”.

Così Lara Cavalli: “Il progetto avrà ricadute sul territorio per formare soggetti che possano partecipare al percorso formativo attraverso il bando, al fine di sostenere un esame di abilitazione per guida e accompagnatore turistico che la Provincia emana ogni anno. Il bando sarà aperto a persone in possesso della licenza di scuola media superiore, ed assegnerà punteggi privilegiati ai ragazzi, in particolare disoccupati, residenti nei comuni di Palvareta Nova”. Che, lo ricordiamo, sono San Giovanni, Solarolo Rainerio, Voltido e San Martino del Lago.

Asinari ha poi agganciato il bando all’opportunità data da Expo 2015, e si detto fiducioso di poter creare un giorno in paese un info point IAT (ufficio  di informazione e accoglienza turistica), mentre Lara Cavalli ha illustrato le tre tappe del percorso: ricognizione del patrimonio, individuazione di figure professionali, creazione di itinerari.

Infine la parola è passata a Giuliano Annibaletti: “La nostra cooperativa opera da tempo nel cremonese, ha 55 dipendenti e 15 collaboratori che lavorano in campo culturale. Questa è una grande opportunità per ampliare la collaborazione con San Giovanni, che vanta risorse ambientali e artistiche già individuate. La gente che vive qui è ormai abituata a queste immagini, che però colpiscono il visitatore esterno. Qui permane un tessuto sociale che sa raccontare, ha professionalità assenti in centri turistici più grandi ma meno autentici”.

In chiusura il sindaco ha lanciato un nuovo appello a tutto il casalasco per stimolare una maggiore unione di intenti e di risorse. In concreto, il progetto “I tesori di Cecilia” vedrà una ricognizione dei beni tra luglio e agosto, quindi in settembre verrà indetto il bando. Il percorso formativo inizierà in ottobre per terminare nel gennaio 2014, a seguire tra febbraio e aprile si creeranno itinerari turistici coordinati, e ad ottobre 2014 la programmazione verrà chiusa. Verrà anche creata ovviamente una brochure schematica con vari itinerari, strutture ricettive esistenti sul territorio, negozi e quant’altro.

Vanni Raineri

© RIPRODUZIONE RISERVATA

© Riproduzione riservata
Commenti