Commenta

Viadana, da Nizzoli
mano tesa a Penazzi:
“Maggioranza appoggi”

nizzoli-ev

Mano tesa da parte di Fabrizio Nizzoli, capogruppo del Partito Democratico di Viadana, al sindaco Giorgio Penazzi in questo ore burrascose per la maggioranza. “A nome di tutto il direttivo Pd di Viadana” spiega Nizzoli “mi sembra corretto riaffermare le nostre scuse al sindaco e a tutta la cittadinanza per il teatrino andato in scena nel consiglio comunale di venerdì scorso. Consapevole che il sindaco ha sottoposto a tutti i consiglieri comunali di maggioranza un documento da sottoscrivere, in quanto dopo tali eventi ha constatato che è venuta a mancare la fiducia politica e il supporto amministrativo concreto della maggioranza al suo governo e al suo operato, quale segretario del Partito Democratico e a nome di tutti gli iscritti che in questo senso rappresento, mi corre d’obbligo di fare appello al senso di responsabilità dei consiglieri che appartengono al gruppo Pd invitandoli a sottoscrivere il documento, inviato dal sindaco Penazzi al Partito Democratico e agli stessi consiglieri di maggioranza affinché siano definitivamente consolidate le basi politico amministrative necessarie per poter proseguire in spirito costruttivo e non più polemico, nel progetto amministrativo sottoscritto dall’alleanza Pd-Lista Civica-Udc che ha ottenuto il consenso e la maggioranza degli elettori Viadanaesi”.

Nizzoli conferma dunque le anticipazioni date dal nostro portale su un Penazzi che vacilla, sfiancato dalle continue lotte intestine e che, dunque, prima di decidere se proseguire, vuole fare la conta di chi davvero è pronto a sostenerlo. “Consapevoli delle difficoltà economiche e gestionali che attanagliano l’intero paese, il Pd Viadanese riafferma il pieno sostegno al sindaco Penazzi consapevole che è necessario evitare la scellerata scelta del commissariamento del nostro comune che sarebbe foriera di pesanti costi sociali e di notevoli ed ulteriori difficoltà per la nostra comunità. Il comportamento di alcuni consiglieri di maggioranza tenuto nel consiglio del 28 ancora una volta pone in serie difficoltà l’operato del sindaco Giorgio Penazzi e della sua giunta e quindi il senso di appartenenza alle linee strategiche della coalizione che oggi regge il comune di Viadana. Il Pd riafferma convinto il proprio sostegno auspicando e sollecitando in maniera decisa, chiara ed inequivocabile che l’atteggiamento e il comportamento del gruppo consigliare sia pienamente finalizzato ad operare nell’ottica di risoluzione delle reali problematiche di cui abbisogna il tessuto economico, sociale e produttivo di Viadana. Invita e spinge fortemente in tale ottica il gruppo consigliare a sottoscrivere il documento di sostegno al sindaco”.

L’11 luglio, con ogni probabilità, la resa dei conti, come Nizzoli del resto conferma. “Il Pd di Viadana è fermamente convinto che occorre approvare nel consiglio comunale previsto per 11 luglio il bilancio, primario documento di programmazione economica e finanziaria dell’ente, affinché la giunta possa assumere rapidamente e concretamente atti deliberativi necessari al raggiungimento degli obiettivi programmatici concordati unitamente e in maniera collegiale e condivisa con i capigruppo e i partiti politici di riferimento”.

Non solo. “Inoltre” spiega Nizzoli “nel direttivo già fissato per giovedì 4 luglio chiederò di mettere ai voti la convocazione di una assemblea degli iscritti subito dopo il consiglio comunale (probabilmente il 16 luglio) con all’ordine del giorno la discussione sulla situazione politica locale e l’inizio della fase congressuale di pari passo a quella provinciale questo per riprovare per l’ennesima volta a riportare la discussione all’interno del partito anche attraverso un confronto forte tra le diverse anime del partito”.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

© Riproduzione riservata
Commenti