Commenta

International Festival
Chiusura di classe
sul sagrato del Duomo

festival9_ev

Fotogallery a cura di Gigi Ghezzi

Si è chiuso con l’ennesimo successo di pubblico il Casalmaggiore International Festival domenica sera: la cornice suggestiva del sagrato del Duomo ha attirato più di 300 persone che hanno applaudito una performance durata più di tre ore, includendo anche le premiazioni, i ringraziamenti e l’arrivederci di rito.

Angelo Porzani, presidente degli Amici del Casalmaggiore International Festival, ha accompagnato nel finale i musicisti, per la consegna degli attestati intitolati alla memoria del Maestro Taras Gabora, una delle anime del Festival nei suoi primi anni di vita. Il suo grazie, che avevamo anticipato domenica in un’intervista esclusiva, è stato accolto da molti applausi, a conferma del fatto che il pubblico casalasco ha apprezzato molto. E non sono mancati gli spunti per l’edizione 2014, quando il Festival compirà 18 anni, divenendo idealmente maggiorenne.

Il concerto di gala finale ha visto l’esibizione di tutti i musicisti, alcuni con virtuosismi da solista, altri in gruppo, senza dimenticare alcuni cantanti. Cinque i ragazzi premiati quali migliori artisti del corso e artefici delle migliori performance musicali: Andreas Eggertsberger, Agnes Langer, Georgy Tchaidze, Melody Ye Yuan e Doreen Dasol Yun.

Piccola curiosità in chiosa: per Tchaidze e Kolesnikov, i due maghi del pianoforte, è davvero un periodo ricco di impegni. Il musicista georgiano e il collega russo, infatti, hanno lasciato lunedì mattina, per primi, l’Istituto Santa Chiara per prendere l’aereo per Parigi. Da lì sono poi arrivati a Ottawa, infine a Calgary. Proprio nella città canadese i due terranno martedì sera un concerto esclusivo in coppia, riproponendo con bravura gli spartiti già apprezzati a Casalmaggiore. Considerando anche il fuso orario, un vero e proprio tour de force per i due bravi pianisti.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

© Riproduzione riservata
Commenti