Commenta

Penazzi: “Le anomalie
interne a Pd e Udc
frenano la giunta”

viadana-municipio-penazzi-ev

Nella foto, Penazzi e il municipio di Viadana

Pensare oggi alle elezioni del 2016 a Viadana può sembrare esagerato. Ma non lo è certamente alla luce dell’attuale situazione dove una spada di Damocle pende minacciosamente e costantemente sul destino del sindaco Giorgio Penazzi, attaccato un giorno sì e l’altro pure da una maggioranza frantumata che era sorta per sostenerlo sino alla fine.

Per quella scadenza il primo cittadino viadanese ritiene sia ancora presto fare pronostici e neppure dire se avrà voglia o meno di ricandidarsi.

“Fare il sindaco in un comune complesso come Viadana non è semplice. Sopratutto in un periodo di crisi come questa – confessa Penazzi -. Inoltre, stiamo assistendo a livello locale ad una situazione anomala all’interno di Pd e Udc, con continui scontri che indeboliscono la maggioranza, frenano l’attività amministrativa e suscitano sfiducia e malcontento nella popolazione”.

Un altro ostacolo, tra quelli già posizionati sul cammino del primo cittadino, si presenterà fra tre giorni quando il consiglio comunale, mercoledì, verrà chiamato a discutere sul piano generale del territorio. Uno strumento urbanistico su cui il Pd di Paolo Zanazzi, sorto per sostenere il governo viadanese, preannuncia battaglia in contrasto con il Pd 2 (come lo ha ribattezzato Manfredi) di Cesarina Baracca che invece la maggioranza l’ha sempre sostenuta.

“Per questo – prosegue Penazzi – dico che sarebbe stato più facile fare il sindaco in tempi più tranquilli invece del periodo nefasto come l’attuale. A tutto ciò aggiungiamo la disponibilità di un patrimonio di solamente 150 mila euro. Con questi pochi soldi dobbiamo gestire tutto il comune, riparare le strade, le fogne, i tetti delle case. Effettuare tutta la manutenzione ordinaria e straordinaria. Vogliamo fare ogni cosa senza problemi? Facciamolo ma cominciando ad aumentare le tasse, alzando l’Imu, ma poi cosa diranno i cittadini? E i nostri denigratori?”.

Rosario Pisani

© RIPRODUZIONE RISERVATA

 

© Riproduzione riservata
Commenti