Commenta

Giallo in via Cairoli:
animali maltrattati
e gatto trovato morto

gattomorto_ev

Una segnalazione di maltrattamento animali ha costretto i carabinieri di Casalmaggiore a intervenire, martedì pomeriggio attorno alle 16, in via Cairoli. Poco dopo, alle 18, la polizia locale è invece intervenuta per rimuovere la carcassa di un gatto morto sul ciglio della strada, sempre in via Cairoli. Carcassa che in precedenza non era stata notata.

I due episodi, messi così, potrebbero apparire collegati: in realtà, il giallo è molto più complesso da decifrare. Il primo intervento dei carabinieri, infatti, è stato un intervento “fantasma”, nel senso che dopo avere ricevuto la segnalazione telefonica da una donna che ha parlato di un cane bastonato dal padrone sulla terrazza di casa, dunque davanti agli occhi di vicini e passanti, i militari intervenuti sul posto non hanno trovato né il cane maltrattato né la donna che aveva compiuto la segnalazione. Una breve ricerca, resa possibile grazie all’aiuto di un residente in zona, non ha fruttato granché.

Tuttavia, come detto, qualche metro prima si trovava un gatto morto al ciglio della strada: i carabinieri non l’hanno notato, ma l’intervento della Polizia Locale di Casalmaggiore, completamente scollegato dal primo un paio d’ore dopo, è servito a rimuovere la carcassa. Qualcuno potrebbe pensare che la donna abbia visto male e che in realtà l’animale malmenato (e dunque ucciso) fosse un gatto e non un cane. In realtà, stando alla segnalazione arrivata alla Polizia Locale di via Saffi, il felino si trovava sul ciglio della strada ormai da tre giorni, esanime. Di certo non un episodio bello da ricordare, ma a quanto pare le due vicende sono solo collegate dal caso e dalla tempistica di intervento di carabinieri e vigili urbani.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

© Riproduzione riservata
Commenti