Commenta

Don Manzoni,
ingresso a Piadena:
“Strada tracciata”

don-manzoni_ev

Foto tratta dal sito della Diocesi di Cremona

“Se il parroco deve essere ministro di carità e costruttore di comunione, la comunità cristiana tutta deve mostrare con la sua vita la bellezza dell’essere cristiani, soprattutto in questo tempo dove anche molti battezzati vivono come se Dio non ci fosse”. È un chiaro monito quello che monsignor Dante Lafranconi, vescovo di Cremona, ha consegnato ai fedeli di Piadena, Vho e Drizzona durante la liturgia di insediamento del nuovo parroco, don Giuseppe Manzoni, proveniente da San Marino-Gadesco-Pieve Delmona.

Il sacerdote ha salutato la sua nuova comunità dicendo: “Mi incammino sulla strada che è già stata tracciata”. Il rito si è svolto nel pomeriggio di domenica nell’imponente chiesa arcipretale di S. Maria Assunta finemente addobbata di fiori bianchi. Nel banco delle autorità il vicesindaco di Piadena Gianfranco Cavenaghi, l’assessore alla cultura Annunciata Camisani, il primo cittadino di Drizzona, Ivana Cavazzini, quello di Gadesco Davide Viola e il maresciallo dei Carabinieri Alessandro Currarino. La Messa, servita da uno stuolo di precisi ministranti guidati dal vicario don Massimo Sanni, è stata animata dalla Schola Cantorum S. Maria Assunta e S. Pietro diretta da Matteo Priori e accompagnata all’organo da Fabio Rosati.

Lunedì inizierà quella che è stata simpaticamente definita “settimana manzoniana”: don Giuseppe incontrerà le varie realtà che compongono le comunità di Piadena, Vho e Drizzona. Si inizia da Drizzona: alle 20.30 del 30 settembre la Messa e, a seguire, un momento di fraternità in oratorio. Nel pomeriggio di martedì 1° ottobre il nuovo parroco visiterà la chiesa di Castelfranco e quella di Pontirolo; alle 21 l’apertura del Mese del Rosario nella cappella di via Platina a Piadena. La sera del 2 ottobre appuntamento a Vho: alle 20.30 la Messa nella Chiesa di S. Pietro, seguita da un momento di fraternità in oratorio. Nel pomeriggio di giovedì 3 ottobre don Manzoni sosterà nella Chiesa di san Lorenzo Guazzone e in quella di San Paolo Ripa Oglio; alle 21 a Piadena la riunione con i catechisti. Venerdì 4 ottobre la Messa nella cappella della casa di riposo (ore 16) con visita agli ospiti nei vari reparti; alle 21 prima riunione con il Consiglio pastorale. Sabato alle 18 la Messa prefestiva con tutti i giovani e giovanissimi che si impegnano in oratorio; a seguire nel salone dell’oratorio la cena comunitaria. A chiudere l’intensa settimana, domenica 6 ottobre, l’apertura ufficiale del nuovo anno pastorale con il mandato ai catechisti.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

© Riproduzione riservata
Commenti