Commenta

Tangenziale casalese
i 5 Stelle si schierano
coi comitati

rosso-stop-ev

Nella foto, un tratto ‘cittadino’ dell’Asolana

La tangenziale di Casalmaggiore, opera attesa da decenni, torna al centro dell’attenzione. Ad sostegno delle posizioni dei comitati pro-gronda nord, interviene anche il Movimento5Stelle, che esprime “preoccupazione sui dati relativi agli agenti inquinanti presenti nell’aria, ricordando solo un dato più che significativo: la Lombardia è la regione italiana con maggior incidenza di tumori ai polmoni”.

“Detto ciò – prosegue la nota dei pentastellati – volevamo sottolineare come la situazione del traffico sulla strada Asolana sia aumentato negli anni, comportando sia un maggior inquinamento dell’aria, sia un aumento dell’inquinamento sonoro. L’annosa questione della tangenziale di Casalmaggiore legata alla realizzazione della TI-BRE, ha fatto sì che la tangenziale per noi casalaschi così importante non sia ancora stata realizzata”.

“Tenuto conto della forte incertezza economica, volevamo affermare il principio che le poche risorse pubbliche rimaste devono essere spese per opere utili e indispensabili per la collettività, senza logiche di scambio che ti costringono a subire opere inquinanti per avere una tangenziale”.

“Il M5S di Casalmaggiore sostiene la recente iniziativa promossa dai comitati e dalle associazioni ambientaliste, ne condivide i contenuti, espressi nel documento/petizione dal titolo ‘Tangenziale di Casalmaggiore subito e senza autostrada – 16 anni buttati via’ e si unisce alla richiesta al sindaco per la convocazione urgente di un’assemblea pubblica sul tema della tangenziale, perché tutti i cittadini siano coinvolti e fatti partecipare attivamente alle scelte che riguardano temi importanti per la vita del proprio comune. Inoltre chiediamo l’impegno di ricercare risorse pubbliche per finanziare l’opera, visto e considerato che per opere inutili come l’autostrada CR-MN i soldi sono stati stanziati”.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

© Riproduzione riservata
Commenti