Commenta

Sabbioneta, sabato
al via le riprese di
“Felice nel box”

felice-box_ev

Si effettueranno sabato 2 novembre a Sabbioneta le nuove riprese del film “Felice nel box”, un mediometraggio che racconta la storia romanzata della lapide asportata dal cimitero ebraico di Borgofreddo nei primi anni ‘70 del secolo scorso e riportata dopo oltre trent’anni durante i quali è rimasta a Milano dimenticata in un garage. Una troupe di una quindicina di persone ritorna a Sabbioneta per girare le scene ambientate nei tempi attuali dopo che, nello scorso mese di settembre, erano state effettuate quelle ambientate all’inizio degli anni 70.

Il film è diretto dal Ghila Valabrega, giovane regista italo-americana figlia di Stefano, l’architetto milanese che portò con sé la lapide al centro della storia per salvarla dalle pessime condizioni e dallo stato di abbandono nel quale si trovava il cimitero ebraico in quegli anni, prima degli interventi di restauro realizzati dalla Pro Loco. Location delle scene di sabato saranno la Sinagoga, il cimitero ebraico, Piazza Ducale e la zona di Porta Vittoria.

Lo scopo principale del film è raccogliere fondi per restaurare la Sinagoga, danneggiata dalle scosse di terremoto dei primi mesi del 2012, e il cimitero ebraico: volontà dei produttori è anche di immetterlo nei circuiti cinematografici internazionali con lo scopo di pubblicizzare la Città Patrimonio dell’Umanità. Grazie a queste finalità il film gode del patrocinio dell’Unione delle Comunità Ebraiche Italiane, della Fondazione per i Beni Culturali ebraici in Italia, delle Comunità Ebraiche di Milano e di Mantova, dell’Associazione di Cultura ebraica Man Tovà, della Pro Loco di Sabbioneta. Maggiori informazioni sul profilo Facebook di “Felice nel Box” (https://www.facebook.com/FeliceNelBox?fref=ts).

© RIPRODUZIONE RISERVATA

© Riproduzione riservata
Commenti